rotate-mobile
Sport Stadio

Vicenza poco attento e pasticcione: il derby va al Verona

Nonostante il vantaggio di Malonga al nono minuto i biancorossi subiscono la rimonta degli ospiti con la doppietta di Cacia. Il pareggio su rigore di Pinardi non basta, Maietta fa 3-2

E' un Vicenza che finisce la gara tra gli applausi del suo pubblico, per la voglia messa in campo, ma che deve recitare il mea culpa per il risultato che sta stretto agli uomini di Breda, per quanto visto in campo. Un Breda che ancora una volta subisce la lezione da Mandorlini ma che deve rimproverare ai suoi degli errori clamorosi nella fase difensiva; errori che hanno permesso ai gialloblu di portare via il risultato pieno, segnando tre reti, limitandosi ad ottimizzare al massimo le sbandate della retroguardia biancorossa. Il bicchiere mezzo pieno è rappresentato da una squadra che, pur con i suoi limiti, è sempre viva, va regolarmente in gol e sa quello che deve fare in campo. Rimaniamo convinti che con il tempo il lavoro che sta compiendo Breda darà i suoi frutti.

Vicenza Verona 2 - 3: Le immagini

Il primo tiro in porta era biancorosso con Malonga che al 4' provava il sinistro (debole) dalla distanza, con Rafael che bloccava a terra. Era lo stesso francocongolese quattro minuti più tardi a fare esplodere il Menti, ricevendo palla al limite dell'area su lancio di Pisano e scoccando un fendente rasoterra all'angolino che non lasciava scampo al portiere gialloblu. Il pareggio del Verona purtroppo, arrivava appena cinque minuti più tardi, ed era un vero e proprio sciagurato regalo di Misuraca che perdeva il pallone al limite su pressione di Laner con lo stesso centrocampista ex Albinoleffe che serviva in profondità il liberissimo Cacia il quale non lasciava scampo a Pinsoglio. Esauriti i fuochi artificiali la partita, pur rimanendo aperta non riservava emozioni particolari, almeno fino al trentesimo quando Martinelli innescava con un lancio in profondità Pinardi che però sul rasoterra a centro area non trovava nessun compagno pronto al tocco a rete. Al 42' paratissima di Rafael che toglieva da sotto l'incrocio il pallone colpito di testa da Plasmati su perfetto cross di Giani. Dal possibile vantaggio del Vicenza si passava invece al 2-1 gialloblu che nasceva di nuovo da un pallone perso dalla difesa biancorossa con Gomez che cercava l'angolo distante trovando la respinta di Pinsoglio; prima di tutti però arrivava ancora una volta Cacia che toccava a porta vuota. Gol che arrivava nel primo dei due minuti di recupero ma che soprattutto puniva il Vicenza decisamente oltre i propri demeriti.

Al rientro in campo le squadre si presentavano con gli stessi effettivi e passavano undici minuti prima che il risultato tornasse in parità grazie ad un rigore procurato da Martinelli che veniva steso in area da Maietta. Sulla palla (con la memoria dei tifosi che tornava ad Empoli...) si portava Pinardi che calciava alla sinistra di Rafael: il portiere gialloblu intercettava la palla ma non riusciva a bloccarla con la stessa che lentamente ma inesorabilmente superava la linea bianca per il due a due. Neanche il tempo di rimettersi in sesto che gli uomini di Breda subivano di nuovo. Stavolta l'azione nasceva da una punizione calciata in mezzo da Jorginho con palla che passava tra una selva di giocatori per poi trovare il difensore Maietta appostato sul secondo palo lesto a deviare alle spalle di Pinsoglio per il tre a due veronese a venticinque minuti dalla fine della gara. Il Vicenza cercava di impattare con un colpo di testa di Semioli su cross di Giani che però trovava pronto Rafael. Era l'ultimo acuto vicentino della gara che negli ultimi minuti vedeva la difesa ospite alzare la muraglia davanti al proprio portiere riuscendo a conservare il vantaggio fino al fischio finale di Palazzino. Sabato prossimo si replica ancora al Menti: stavolta toccherà al Brescia. Partita difficile ma che questo Vicenza, con più attenzione, può fare sua.

IL TABELLINO DELLA GARA

Vicenza (3-5-2): Pinsoglio; Martinelli, Pisano, Brighenti; Mustacchio (70' Maiorino), Pinardi, Castiglia, Misuraca (67' Giacomelli), Giani; Plasmati (54' Semioli), Malonga.
A disposizione: Fortunato, Camisa, Di Matteo, Giandonato. Allenatore: Roberto Breda.

Hellas Verona (4-3-3): Rafael; Abbate (78' Crespo), Moras, Maietta, Martinho (36' Halfredsson); Laner, Jorginho, Cacciatore; Rivas (74' Bacinovic), Cacia, Gomez.
A disposizione: Berardi, Ceccarelli, Fatic, Bojinov. Allenatore: Andrea Mandorlini. 

Arbitri: Palazzino di Ciampino, assistenti Tasso e Melloni, quarto uomo La Penna.

Reti: 9' Malonga (V), 14' e 45'+1' Cacia (H), 56' rig. Pinardi (V), 65' Maietta (H)

Note: Ammoniti: Cacciatore (H),Giani (V), Bacinovic (H). Calci d'angolo 7-0. Recuperi: 2' pt, 4' st.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza poco attento e pasticcione: il derby va al Verona

VicenzaToday è in caricamento