rotate-mobile
Sport Centro Storico / Contrà Barche

Special Olympics per la prima volta a Vicenza: "Nello sport non esiste la disabilità"

Sabato al teatro Astra si terrà la prima edizione vicentina della convention Special Olympics Italia. L'evento prevede tavoli tematici, filmati e racconti che mettono al centro l'esperienza degli atleti diversamente abili. L'assessore Nicolai: "L'obiettivo è quello di permettere a tutti i vicentini di fare sport"

Sabato 20, al Teatro Astra, andrà in scena lo sport, praticato da tutti per tutti, senza distinzioni tra atleti e appassionati normodotati e diversamente abili. Per la prima volta nella sua storia, infatti,  Vicenza ospiterà l'edizione regionale della convention  Special Olympics Italia, giunta al suo undicesimo appuntamento. 

Il movimento, fondato dalla famiglia Kennedy nel 1968, si occupa di programmi di allenamento sportivi e di competizioni per persone con una disabilità intellettiva. L'evento vicentino, che rientra nell’ambito delle attività promosse dall’amministrazione cittadina per la candidatura di Vicenza a Città Europea dello Sport 2017, è stato presentato mercoledì mattina dall'assessore alla formazione Umberto Nicolai, dal direttore regionale di Special Olympics Italia Elisabetta Pusiol, dal direttore provinciale di Special Olympics Italia Claudia Treviso, dal delegato CONI point di Vicenza Giuseppe Falco, dalla responsabile dell'ufficio educazione fisica dell'Ufficio territoriale scolastico di Vicenza Sira Miola e da Ivana Moresco per Panathlon International – Distretto Italia – Area 1. Testimonial d'eccezione tre atleti delle Special Olympcs: Riccardo Zonta, per il tennis, che ha rappresentato Vicenza ai Giochi mondiali estivi di Los Angeles 2015, e i due candidati ai Giochi mondiali invernali del 2017 in Austria, Michael Carollo, per lo sci alpino, e Mirko Cavalli, per lo sci di fondo.

"La città sta lavorando per garantire il diritto di tutti a fare sport - ha dichiarato l'assessore Umberto Nicolai - In questo senso siamo onorati di ospitare un evento regionale rivolto alle persone con disabilità. Vicenza, che si candida ad essere “Città Europea dello Sport”, deve aprirsi a tutti coloro che praticano discipline sportive, soprattutto alle persone con disabilità che tramite la pratica sportiva riescono ad ottenere motivi di gioia e di appagamento. La Convention sarà un momento importante per coloro, come il comitato regionale di Special Olympics, il CONI, il Panathlon, l'Ufficio territoriale scolastico, il Comitato Italiano Paralimpico, che ogni giorno si impegnano per superare queste barriere e creare opportunità di sport e benessere per tutti”.

La manifestazione

Sul palco dell'Astra si alterneranno testimonianze, ospiti, filmati e racconti, con gli atleti protagonisti assoluti dell'evento guidati dalla direttrice regionale di Special Olympics Italia Elisabetta Pusiol, coadiuvata dalla direttrice provinciale Claudia Treviso e da Manola Martini, atleta dello Schio Nuoto.

Con loro, saranno presenti anche molti atleti, tecnici, volontari e dirigenti che disegneranno con le proprie storie il volto veneto del movimento fondato nel 1968 da Eunice Kennedy con l'obiettivo di favorire l’inclusione sociale di persone con disabilità intellettiva attraverso lo sport. Un tributo particolare sarà dedicato ai cinque atleti veneti che hanno preso parte ai Giochi mondiali estivi di Los Angeles 2015: Alessio Carpenedo della polisportiva Terraglio di Mestre, per il nuoto, Alice Sorato dell'associazione Sorriso di Mira per la ginnastica artistica, il vicentino Riccardo Zonta dell'associazione I Can di Breganze-Vicenza per il tennis, Davide Vignando e Riccardo Piggio per il calcio a 5 Patavium. Seguirà l’annuncio ufficiale degli atleti selezionati per i Giochi mondiali invernali del 2017 in Austria. Sarà, poi, ricordato l'atleta Marco Dell'Oro, scomparso improvvisamente a novembre 2015, a poche settimane dalla sua nomina come referente tecnico nazionale per la vela. A lui sarà dedicato il grande evento velico che sarà ospitato a Venezia a luglio 2016. La prima parte della convention si concluderà alle 12.30. Dopo la pausa pranzo si terranno alcuni tavoli tecnici suddivisi per area tematica: l’area Atleti vedrà coinvolti ragazzi e ragazze da tutto il Veneto in giochi e attività di animazione promossi dal gruppo informale Non Dalla Guerra mentre l'area Famiglie tratterà il tema dell’affettività e della sessualità grazie allo psicologo e scrittore Mario Paolini. L’area Tecnico-Organizzativa vedrà impegnati, invece, i direttori provinciali, i referenti per disciplina e i rappresentanti delle società attive sul territorio, impegnati quest’anno, oltre che nell’attività ordinaria e quotidiana, anche nell’organizzazione dei “Play the Games 2016”, che in Veneto poco prima dell’inizio dell’estate ospiterà i giochi di ginnastica artistica (Padova), il bowling (Vicenza) e il tennis tavolo (Belluno).

I numeri a Vicenza

La presentazione della convention è stata anche un momento per fare il punto sul tema dello sport e della disabilità nel vicentino. "La provincia di Vicenza è tra le più attente in Italia alla tematica dello sport per disabili - dichiarato il delegato del CONI di Vicenza Giuseppe Falco- Dare dei numeri è quasi impossibile, le società che si dedicano allo sport per i disabili sono quasi 50, ma tantissimi atleti non sono ancora tesserati." 

Nelle scuole il fiore all'occhiello è quello del Baskin, una forma di pallacanestro che vede in campo atleti con disabili e normodotati. "Ogni settimana partecipano alle attività organizzate nelle scuole oltre  300 ragazzi - racconta Sira Miola, responsabile dell'ufficio educazione fisica dell'Ufficio territoriale scolastico - da un corso siamo passati ad avere 5 squadre ufficiali e a creare un campionato. L'anno prossimo arriveremo ad otto. La risposta dei ragazzi è meravigliosa".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Special Olympics per la prima volta a Vicenza: "Nello sport non esiste la disabilità"

VicenzaToday è in caricamento