Serie C, mister Zanetti: "L'acquisto migliore del Vicenza? Colella"

L'ex campione biancorosso, al secondo anno alla guida del Südtirol, commenta la sua nuova rosa, con uno sguardo al Girone B

Paolo Zanetti (foto FC Sudtirol)

Non è stato esattamente "calcio d'agosto" quello affrontato dal Südtirol di mister Zanetti, sorpresa dello scorso campionato e caduto ai play off solo in semifinale, cedendo le armi a quella che sarebbe stata la 4a promossa in cadetteria, il Cosenza. 

I biancorossi hanno mostrato in Coppa Italia di non voler rimanere una meteora, arrivando al IV° turno (in programma il 6 dicembre), dove affronteranno il Torino di Mazzarri. Ovvia la soddisfazione del tecnico di Valdagno che, però, ora scalpita per poter scendere in campo nella regular season della terza serie. "Le amichevoli che abbiamo comunque dovuto fare in questo lungo pre campionato sono poco utili a livello tecnico ma rischiose dal punto di vista fisico"

Il calciomercato

"Non ci sono stati troppi tentennamenti per la conferma con la società di Bolzano: avevo chiesto non tanto garanzie su investimenti economici importanti, ma una sinergia in oculate scelte di mercato, che consentissero di costruire una base tecnica più alta, cosa che mi è stata assicurata prima e confermata poi - spiega Zanetti - Dei titolari dello scorso anno ne sono rimasti solo 4. Frascatore, Broh, Sgarbi e Gaysi sono approdati in Serie B ed è un'ulteriore soddisfazione per l'enorme lavoro svolto qui".

"I nuovi arrivi corrispondono al progetto che abbiamo per questo campionato: per l'attacco, a Costantino abbiamo affiancato Turchetta e Mazzocchi, Morosini a centrocampo è un rinforzo importante - prosegue, facendo un bilancio  - tutti gli innesti sono stati mirati ad innalzare la qualità, anche delle seconde linee che, come sappiamo, nel campionato di Serie C sono la vera arma vincente". 

Il campionato

Sul girone B che sarà "non c'è una vera ammazza-campionato ma c'è un importante livellamento verso l'alto: ci sono 8-9 squadre forti e sulla carta è difficile dire chi accederà direttamente alla serie cadetta. Mi convincono molto la Feralpisalò, la Triestina, la Sambenettese, certamente la Ternana, se non venisse ripescata, e anche il Vicenza, che ha aggiunto a una rosa già solida degli innesti importanti. Non dimentichiamo il 12° uomo in campo, che al Menti è un vero e proprio muro umano di passione ed entusiasmo. Ultimo punto di forza dei biancorossi - sottolinea - ma non per importanza, è mister Colella. L'anno scorso si è reso protagonista di una vera impresa, che si è conclusa con un'eliminazione immeritata (ndr. Ma il clima societario era già rovente) e sono certo che saprà gestire i suoi non solo dal punto di vista tecnico ma anche umano: giocare in una piazza come quella berica non è facile e dovrà partire subito forte". 

"E' la stessa cosa che auguro anche a noi, ovviamente - scherza, in attesa dell'estrazione dell'8 settembre - Con le vittorie in Coppa Italia siamo riusciti a mantenere alto l'entusiasmo delle migliaia di persone che avevano partecipato alla bella soddisfazione dello scorso anno. Qui il calcio è il terzo sport e avere acceso tanto entusiasmo merita il massimo impegno da parte nostra: per questo spero di partire subito contro le più forti"

Lazzari in Nazionale

"Lo conosco ed è fortissimo: merita questo traguardo ma sono sicuro che per lui è solo l'inizio. Speriamo che mister Mancini ce lo faccia vedere in campo.."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Investito in bici dal rimorchio di un camion: gravissimo 14enne

Torna su
VicenzaToday è in caricamento