Serie B, il rush finale del Vicenza verso il sogno

La settimana di riposo, al di là del fatto di presentarsi al Picco con una difesa inedita, ha dato alla squadra la possibilità di allenarsi regolarmente e di ripartire con energie nuove

I tifosi a La Spezia (foto Vicenza Calcio)

Il Vicenza incerottato è dunque tornato dall'insidiosa trasferta di La Spezia con un risultato prezioso. Il punto conquistato non solo serve a tenere a bada le ambizioni della squadra di Bjelica, ma risponde anche ai dubbi sorti circa la condizione di una squadra che nelle ultime partite aveva dato l'impressione di essere un po' alla corda.

pasuqale marino giacca-2Di sicuro, dopo la vittoria con il Varese, può aver influito nella qualità delle prestazioni il peso della responsabilità di un secondo posto da gestire in una squadra abituata a correre in maniera spensierata, ma questa non può essere l'unica spiegazione. Le tre partite nel giro di una settimana hanno sempre dato fastidio alla squadra di Marino e anche stavolta non hanno mancato di appesantire le gambe in un undici che raramente viene modificato in maniera trascendentale. La settimana di riposo, al di là del fatto di presentarsi al Picco con una difesa inedita, ha dato alla squadra la possibilità di allenarsi regolarmente e di ripartire con energie nuove. Il contributo dato dai giocatori finora meno utilizzati come Camisa, Gentili, Vita e Ragusa è stato innegabilmente prezioso per ritrovare la strada della continuità di risultati.

Qualcuno di fronte al pari di La Spezia può storcere il naso pensando ai punti persi dal Vicenza nelle gare contro Brescia e Virtus Entella e all'occasione (quasi) perduta di trovarsi nell'ultima partita con il Frosinone a giocarsi le chance per la serie A diretta ma è bene pensare al campionato nella sua interezza e a mettere nel computo del dare-avere anche quelle partite dove i biancorossi hanno trovato punti meritati ma insperati sul filo di lana, come nella gara con lo Spezia dell'andata o quelle del ritorno con Virtus Lanciano, Pescara e Cittadella. di gennaro spezia-2Pur davanti ad una formazione che negli ultimi tempi stenta ad andare in gol con regolarità (la rete manca da 312 minuti ma su azione la palla non entra dalla gara contro l'Avellino) i motivi di fiducia in questo finale di campionato, che quasi certamente porterà ai playoff, stanno nella ritrovata compattezza della difesa che nelle ultime 6 gare ha pagato pesantemente dazio solo nella sciagurata partita al Rigamonti, e nella consapevolezza che nella stagione regolare contro le avversarie che attualmente occupano le posizioni che daranno origine alla griglia playoff, i biancorossi non hanno mai perso, dando sempre l'impressione di poter reggere ad armi pari il confronto.

Nelle prossime due gare l'obiettivo principale deve essere dunque quello di terminare la stagione sul gradino più alto possibile. Se poi al Crotone dovesse riuscire l'impresa di stoppare il matchball al Frosinone e al Vicenza il colpaccio al Livorno (entrambe imprese difficili ma non impossibili) allora è prevedibile che il Menti sarà incandescente per l'ultima giornata. Si sa, i sogni hanno tanto spazio quanto gliene vogliamo lasciare... 

(foto Vicenza Calcio e Facebook)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Investito in bici dal rimorchio di un camion: gravissimo 14enne

Torna su
VicenzaToday è in caricamento