Sport

Sambenedettese-Vicenza: le pagelle di Alberto Belloni

Il punto di vista del nostro opinionista sul match al Riviera delle Palme

VALENTINI 6: no può nulla sul primo gol, mentre nel raddoppio viene lascito inerme di fronte all’incursione di …. La pagnotta se la guadagna nel primo tempo con qualche buona uscita e soprattutto con una paratona su Stanco lanciato a rete al 19’.

MALOMO 6: per lui una buona gara di contenimento in difesa. Fino all’1-0 non lascia praticamente nulla agli avanti rossoblu e nella ripresa cerca anche qualche inserimento sulla fascia destra. Sul 2-0, venuto su percussione centrale, non sembra imputabile di alcun errore.

CRESCENZI 6: una partita attenta e tignosa. Per un’ora il Vicenza rischia davvero poco contro la damigella d’onore della Cadetteria. Quando i biancorossi prendono il primo gol un po’ tutta la squadra subisce il colpo e anche dietro non c’è più la sicurezza di prima. Qualche sbavatura conseguente non inficiano però una prestazione sostanzialmente positiva.

MILESI 5,5: il meno convincente della linea difensiva. Pasticcia su qualche disimpegno e non è più brillante come qualche settimana or sono. Quando il Lane prova la carta dei calci da fermo, nessuno dei palloni che piovono in area è acchiappato dalla sua testa. Dalla sua, però, c’è il netto fallo da rigore che subisce nel primo tempo e che solo l’arbitro non vede.

GIRAUDO 6-: Un buon salvataggio di testa in difesa al 25’ e un tentativo interessante di conclusione al 45’, sfortunatamente rimpallato. Nel complesso ce la mette tutta, anche se il suo contributo in fase di supporto all’attacco non è decisivo. ROMIZI 6-: un sacco di lavoro sporco e tante energie profuse per rendere la vita difficile ai marchigiani in mezzo al campo. Sostanzialmente il compito gli riesce, anche se vengono a mancare i tentativi di dare profondità alla manovra. E’ un elemento insostituibile, ma ha i suoi limiti. Lo si sapeva…

GIORNO 5-: prestazione incolore, caratterizzata da tanta corsa vana, poche idee e molte azioni velleitarie. Ha una bella cane in contropiede su assist di Tassi al 62’ ma non la sfrutta. Suo lo sciagurato fallo da rigore che decide il match al 66’. Così non va.

TASSI 6: prova a cantare (ed è il suo mestiere) ma anche a portare la croce (sacrificandosi in interdizione e copertura). La sua è una crescita personale che promette bene, anche se può certo migliorare sul piano offensivo, dove non sempre è cattivo al punto giusto.

DE GIORGIO 6,5: fa la media tra un primo tempo davvero ottimo ed una ripresa nella quale perde via via gamba e lucidità. Resta il fatto che quando si muove lui il Vicenza combina sempre qualcosa di interessante. Di converso, quando la luce gli si spegne, la squadra perde misure e profondità. Non a caso il traversone del gol della bandiera viene proprio dal suo piede. Da ricordare anche una pregevole incursione al 21’, ariana col fallo.

FERRARI 6: non è che le sue prodezze offensive abbiano tolto il sonno a Capuano & C., tuttavia (diversamente dal compagno di reparto) quando non riesce a beccar palla cerca almeno di rendersi utile spaziando sul fronte offensivo e dando una mano ad arginare. La sufficienza se la merita soprattutto per aver letto bene l’assist del capitano all’84 con una deviazione vincente, probabilmente di spalla.

COMI 4: ancora una volta il bomber è il grande assente della giornata. Forse è ingeneroso dire che non ce la mette tutta, ma vive sempre ai margini dell’azione e sostanzialmente non ne becca mezza. Pare soprattutto aver smarrito il cinismo del puntero di razza, come evidenzia in zona Cesarini, quando riceve il pallone del pareggio, apparentemente facile, ma caccia la palla sugli spalti del “Riviera delle Palme”.

GIACOMELLI n.g.: brutte notizie. Ultimamente non incide quando entra dal primo minuto e nemmeno quando subentra negli spiccioli finali. BIANCHI n.g.: solo qualche proiezione in avanti, volonterosa ma priva di consistenza.

LUCCA n.g.: ma è forse la migliore notizia nella sconfitta di San Benedetto. Dopo due gare in panchina assapora l’esordio in biancorosso e in un paio di giocate fa intuire un talento che sarebbe un peccato non verificare nuovamente.

Mister ZANINI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sambenedettese-Vicenza: le pagelle di Alberto Belloni

VicenzaToday è in caricamento