Giovedì, 21 Ottobre 2021
Sport

Il punto di Alberto Belloni: "Niente scuse, siamo il Lane"

Niente drammi. Perdere di misura in casa della seconda in classifica ci può stare. Specie se la sconfitta arriva a seguito di una buona prestazione nel primo tempo e non vergognosa nella ripresa

Ci sono tante partite da giocare e, se il campionato finisse qui, il Lane sarebbe ancora fuori dall’inferno dei play out. No de profundis e no spari sulla Croce Rossa. Ma attenzione a lasciarsi andare ad una litania che si inizia a percepire sia in via Schio che nei Bar Sport, la litania dei perdenti: la preparazione dimezzata, la rosa corta (specie dopo le diserzioni di Beruatto, Di Molfetta, Turi e del “Borriello dei Berici” Lanini), la Lanenovela, la cattiva sorte, gli infortuni e, naturalmente, gli arbitraggi.

C’è del vero in ognuno di questi argomenti a discarico, ma a questo punto serve a poco o nulla attaccarsi agli alibi. Il Vicenza sta lì in fondo non solo per tutti questi motivi, ma anche perché è una squadra con alcuni pregi e qualche difetto profondo. Le ultime uscite hanno impietosamente confermato un centrocampo non solo povero di alternative ma soprattutto monocorde: è forte e competitivo nella fase di interdizione e di pressing ma ha dei limiti endemici quando si tratta di avviare ripartenze efficaci.

AL LANE SERVE UN GIACOMELLI IN FORMA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il punto di Alberto Belloni: "Niente scuse, siamo il Lane"

VicenzaToday è in caricamento