menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Lane riassapora i tre punti: le pagelle di Pescara – Vicenza

Tra i migliori Yallow, Meggiorini, Cinelli e Dalmonte. In ombra Gori, Barlocco, Padella e Guerra

PERINA 5/6: poco da fare sul primo gol del Pescara, scoccato da pochi metri. Qualche riserva invece sul raddoppio. Il tiro di Galano è ben indirizzato ma lui sembra muoversi con un attimo di ritardo e non ci arriva. In un’altra occasione, su un bolide dalla mezza distanza ci mette le mani ma non trattiene, la sfera gli sfugge come una saponetta e rischia il pateracchio. Prestazione complessivamente discutibile.

BARLOCCO 5+: una prestazione senza infamia né lode. Dà una mano in copertura ma partecipa poco alla spinta sulle fasce. Porta a casa un giallo ed esce per crampi senza lasciare rimpianti..

CAPPELLETTI: al 6’ è nettamente sorpreso dal movimento di Memushaj, lasciandogli lo spazio per la girata. Si fa sovrastare da Omeonga all’11’ ma il colpo di testa non centra la porta. Fuori posizione al 20’ su un’iniziativa di Ceter.

PADELLA 5,5: sul primo gol pescarese si limita ad alzare il braccio per un presunto fuorigioco, senza provare nemmeno ad intervenire. In generale troppa sofferenza sui non irresistibili attacchi dei biancazzurri

ZONTA 5,5: tanta corsa e poco costrutto. Entra in qualche combinazione interessante ma denuncia ancora che il ruolo non è il suo.

DALMONTE 6,5: un tentativo sull’esterno della rete al 52’. Chirurgico il fendente del 1-2 al 69’. Bella la sua giocata al 77’ fuori di poco. A tempo quasi scaduto ferma come può Fernandes proiettato in area e becca così il secondo giallo che lascia i suoi in 9.

RIGONI 6-: brutta palla persa al 33’ concede un break pericoloso ai padroni di casa. Quando nel finale il Lane inizia a perdere la trebisonda, servirebbe tanto la sua maestria tattica ma in campo non si vede.

CINELLI 6,5: buona la sua gara. Quantità e qualità a centrocampo, dove non è facile giocare per la frequente superiorità numerica degli avversari. Capitano coraggioso.

GUERRA 5,5: perde Crecco in occasione del cross che porta all’1-0. Occasione mal gestita al 26’. Mai veramente in partita.

YALLOW 7: azione perentoria al 9’: va via sulla fascia e pesca mirabilmente Meggiorini. Bella conclusione al 24’. Peccato che si faccia male perché è la più bella sorpresa del pomeriggio abruzzese.

MEGGIORINI 6/7: sull’azione del pareggio lo lasciano colpevolmente solo davanti alla porta e Meggio è uno al quale è bene non fare certi regali. Al 19’ cerca l’eurogol dalla distanza senza fortuna.

GORI 4: dopo uno spezzone incolore, entra in modo omicida su Fernandes e rimedia il rosso diretto.

GIACOMELLI e DA RIVA n.g.

Mister DI CARLO 6-: il suo Vicenza non ruba nulla e porta a casa tre punti pesantissimi. I cambi del 75’, tuttavia, sono molto rischiosi: toglie due punte (Meggiorini e Guerra) per inserire un centrocampista e un difensore (Da Riva e Bizzotto. Gli va bene, perché il Pescara non riesce a passare ma sembra una mossa da Fort Apache. All’Adriatico il Vicenza fa cose buone ma combina anche tanti pasticci e in generale non incanta come gioco. Ora non resta che sentire le sue dichiarazioni di fine partita per capirne di più…

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento