menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lane, ancora un punto con le grandi

Pareggio di spessore per il Lr Vicenza impegnato sul campo del Monza

Dopo Empoli, anche a Monza il Lane divide la posta e conferma che la vittoria con la Cremonese non era stata un fuoco di paglia. Tra i migliori il portiere, il giovane centrocampista da Riva e il talentuoso Dalmonte, autore del gol decisivo. Note meno liete per Bruscagin, Guerra, Gori e Longo.

PERINA 7: il portiere berico non è efficacissimo in occasione del colpo di testa di Maric che porta avanti i brianzoli. Per il resto è assoluto protagonista, salvando la porta in almeno altre tre occasioni. Per lui uno splendido periodo di forma.

BERUATTO 6-: meno efficace rispetto ad altre occasioni, a testimonianza che la condizione fisica non è ancora ottimale dopo lo stop. Al 28’ si perde Sampirisi che va al traversone. A conti fatti vengono quasi completamente a mancare le sue proverbiali incirsioni offensive.

PASINI 6+: ripete la soddisfacente prestazione di Empoli, dimostrandosi una valida alternativa in caso di assenze tra i centrali. Va anche in cerca del gol al 42’ su un cross con palla da fermo. Mota Carvalho, Boateng e soprattutto Maric sono brutte gatte da pelare.

CAPPELLETTI 6: il Monza replica continuamente il tema delle palle alte per la testa dei suoi frombolieri e il Vicenza paga continuamente dazio perché i suoi centrali sono meno attrezzati degli avversari. Nonostante le sofferenze, però, il pacchetto difensivo tiene, contribuendo a mantenere in stallo il risultato. Anche per lui qualche difficoltà di tenuta.

BRUSCAGIN 5,5: una prestazione sottotono. Viene troppe volte superato in difficoltà dagli avversari e anche a retroguardia schierata non è sempre perfetto. Nell’occasione dl gol del Monza, in particolare, Maric lo sovrasta di testa senza essere disturbato nel gesto tecnico. Deve crescere e tornare ai suoi livelli.

GUERRA 5,5: non ripete certo la scintillante prestazione sciorinata al Castellani. La sua partecipazione l gioco è frammentaria e quasi mai si rende pericoloso per la porta degli uomini di Brocchi. L’impegno c’è ma sul taccuino rimane poco o niente.

DA RIVA 6/7: rischia il clamoroso autogol al 21’. Con un cartellino giallo sul groppone, riesce a dare ulteriore prova di maturità, continuando a lottare su ogni pallone e mantenendo la lucidità giusta anche nei momenti più concitati dell’incontro. Si sta confermando pedina difficile da togliere.

CINELLI 6,5: contribuisce col solito dinamismo a far diga contro il centrocampo avversario. Nel primo tempo il Lane lascia questo settore praticamente nelle mani del Monza, ma poi man mano che i padroni di casa vanno in riserva, il Vicenza smette di soffrire e il capitano resta in campo fino in fondo a guidare i suoi.

DALMONTE 7: non segue Sampirisi nella proiezione offensiva conclusa col cross che porta all’1-0. Attorno alla mezz'ora va due volte al tiro senza fortuna. Ad inizio ripresa costringe Bellusci all’ammonizione. Al 56’ inventa un tiro impossibile dai 25 metri: la palla prende una traiettoria strana che pare indirizzato a destra ma infila Lamanna sulla sinistra.

GORI 5/6: interessante inziativa al 51’ ma la conclusione è sventata da Lamanna. Buon assist per Dalmonte al 67’ ma il tiro dell’esterno quasi a colpo sicuro colpisce in pieno Paletta. Brutto primo tempo e migliore ripresa.

LONGO 5/6:  ad inizio gara uccella un pallone a Fossati e confeziona il più prezioso degli assist per Dalmonte, che però calcia male. Poco dopo perde un brutto pallone deve rimediare con u fallo da ammonizione. Al contrario del compagno di reparto mostra nei secondi 45’ le cose più valide.

JALLOW 6: negli ultimi minuti, l’allenatore lo preferisce a Giacomelli. Lui tocca qualche pallone, senza commettere errori.

MEGGIORINI 6+: buona la sua iniziativa all’83 su passaggio di Gori, peccato che il portiere brianzolo faccia il miracolo evitando l’1-2.

ZONTA 6: un aiuto finale a domare le energie residue dell’armata di galliani

BARLOCCO: s.v.

Mister DI CARLO 6/7: ancora un match ben condotto dalla panchina. Lascia fuori Meggio e l’Artigliere per dar spazio a due attaccanti giovani  e quando il Monza va sopra di un gol non perde la ragione e continua a credere nella sua strategia. Tenendo stretto l’1-0 mette le premesse per costruire una rimonta che sul 2-0 sarebbe stata impossibile. I suoi ragazzi lo premiano e dopo il pari riescono a non soffrire nemmeno tanto. Ora i biancorossi stanno cavalcando l’onda giusta e la classifica (finalmente) sorride.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, il Veneto resta zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento