LR Vicenza: presentato il team manager Andrea Basso

A pochi giorni dall'inizio del campionato, presentato al Menti l'ultimo tassello dello staff tecnico

La presentazione alla stampa del nuovo team manager Andrea Basso si è svolta con la presenza al tavolo di tutto lo staff organizzativo del Lanerossi Vicenza Virtus. Ha esordito il direttore generale Paolo Bedin, ricordando le tante competenze che ormai ricadevano sulle spalle del segretario generale (dall’amministrazione alla gestione del personale, dal tesseramento alla logistica ecc.) e l’opportunità di affiancargli un nuovo manager che potesse prendere in carico alcuni settori strategici.

Ha preso quindi la parola Renato Schena, il quale ha ripercorso il proficuo lavoro svolto a Bassano e le esperienze maturate in altre importanti realtà calcistiche. Il segretario si è soffermato sulla nuova dimensione in cui oggi ci si trova a lavorare nonché la necessità di sempre maggiore specializzazione.

“Basta semplicemente andare a scorrere le licenze UEFA - ha aggiunto - per comprendere l’ampiezza delle aree da coprire. Le nostre due figure potrebbero anche essere comprese in un unico ruolo e per questo è necessario che tra me e Andrea ci sia un lavoro in completa simbiosi.”

Il microfono è quindi passato ad direttore sportivo Werner Seeber, che ha spiegato i motivi per cui la scelta è caduta proprio su Basso: “Come ho già detto parlando di giocatori, le nostre decisioni volevano privilegiare la persona nel suo complesso. Conoscevo già bene Andrea Basso per averlo avuto alle mie dipendenze, come calciatore e capitano della squadra. Poi ci siamo persi per un paio di anni ma quando è stato il momento di fare la scelta non ho avuto dubbi e la preferenza è caduta sul suo nome. Si tratta di un elemento altamente professionale ma anche umile e sempre disponibile. “

Naturalmente è stata poi la volta del protagonista, apparso un po’ emozionato ma molto determinato:

"Voglio ringraziare la proprietà e la dirigenza per avermi offerto l’opportunità di questa grande avventura a Vicenza. Ho smesso col calcio giocato nel 2013 e poi sono passato al settore tecnico prima con il Bassano e poi con la Rappresentativa Regionale. A quel punto mi sono reso conto che avrei potuto dare il meglio di me passando all’ambito organizzativo ed eccomi qui.

So che mi aspetta un compito impegnativo, che andrà dal consolidamento del gruppo spogliatoio come Team Manager al coordinamento con le squadre giovanili. Dal primo punto di vista ho già avuto modo di verificare che partirò da una base molto salda, perché l’integrazione tra il gruppo storico giallorosso con gli innesti di quest’anno è già ottima. Dal secondo punto di vista ho ben chiaro l’obiettivo societario di creare una strada maestra che porti i ragazzi dal vivaio alla Prima Squadra. Avrò ovviamente anche altri compiti, ma il lavoro non mi spaventa e intendo spendermi al massimo per portare sempre più in alto i nostri colori.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Investito in bici dal rimorchio di un camion: gravissimo 14enne

Torna su
VicenzaToday è in caricamento