Mancini, 16 anni di talento per il piccolo Ibra

Strana estate per il Lane e per i suoi tifosi, orbi di squadra in ritiro e di partite amichevoli. Ma anche di novità dal mercato, visto che tacciono vieppiù i tamburi lontani dell’informazione

Tommaso Mancini
Per raccontare qualcosa a tutti i supporters in crisi di astinenza biancorossa, occorre davvero raschiare il fondo del barile. L’interminabile caccia alla terza punta da affiancare a Marotta e Meggiorini segnala una specie di testa a testa tra Vicenza e Reggiana per accaparrarsi i favori di Tommaso Biasci, con i granata (secondo Tuttosport) favoriti sui lanieri. Ma sul forte attaccante del Carpi sono almeno altri quattro club cadetti (con in testa il Cittadella, seguito da Pisa, Salernitana e Ascoli). Il profilo del giocatore fa gola a Mimmo Di Carlo perché si sposerebbe bene con le caratteristiche dei compagni di reparto: a pesare, soprattutto i suoi 17 gol realizzati in 30 partite. Niente male per un elemento che non è esattamente una prima punta (può stare più indietro oppure spostarsi a destra) e che ha appena 26 anni. Sul fronte difensivo si torna a parlare del possibile arrivo di Pietro Beruatto, candidato a far coppia con Barlocco sulla corsia di sinistra (ma all’occorrenza può agire anche dalla parte opposta). C’è da fare i conti con la Vecchia Signora, che però nella sua Under 23 l’ha utilizzato a singhiozzo (solo 15 presenze per il giovane triestino).

Ferme tutte le piste per l’interditore di rinforzo, assolutamente necessario al centrocampo berico, per recuperare qualche notizia ulteriore, bisogna virare sul contratto appena firmato dal golden boy Tommaso Mancini, 16 anni (appena compiuti) di talento e puntero principe delle giovanili della Nobile. Il gioiellino viene da un biennio trionfale, che non solo gli ha fruttato 71 reti nella stagione 2018/2019 ma l’ha messo in luce nel campionato appena terminato con 13 centri tra le fila degli azzurrini Under 15 e addirittura 8 nella Nazionale Under 16 del CT Daniele Zoratto. E non è un caso che il baby vicentino sia entrato nella sfera di interesse del Liverpool. Molto forte di testa, crescente fisicità, buon tiro (anche sui calci da fermo), sa disimpegnarsi bene anche spalle girate alla porta. L’hanno spesso paragonato (mutatis mutandis) ad un acerbo Zlatan Ibrahimovic.

Nessuna conferma, infine, alla voce che voleva via Schio interessata alle prestazioni dello spezzino (ma siciliano di nascita) Totò Di Gaudio per la corsia alta di sinistra. L’esterno trentunenne ha una carriera divista tra Veneto (Castelfranco e Hellas, proprietario del cartellino) e Emilia (Carpi e Parma). Nella stagione testè conclusa ha disputato 5 partite in B con la maglia bianconera dei toscani, segnando un gol. Si parla di un interesse attuale del Palermo del duo Sagramola/Castagnini, ma a frenare gli entusiasmi ci sarebbe il contratto fuori mercato per la B sottoscritto con gli scaligeri fino al 2021.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo è quanto, per il momento. Resta solo da dar conto dell’ultimissima voce che riguarda tre nomi da noi già segnalati in passato: Magnus Troest, possente ed esperto difensore centrale della neoretrocessa Juve Stabia, Alessio Da Cruz, 23 anni esterno offensivo sinistro (come Di Gaudio) di proprietà del Parma, fresco dalla sfortunata esperienza inglese allo Sheffield e Francesco Forte prima punta delle Vespe, attorno al quale però sta ronzando mezza Cadetteria. Restiamo dunque alla finestra, visto che il mercato, esattamente come gli allenamenti, rimane a porte saldamente chiuse e inviolabili, come un sancta sanctorum per iniziati. Roba da Dan Brown… Aspettando il 26 settembre. Anch’esso, ovviamente, a spalti rigidamente serrati, per la gioia di Dazn e compagnia. Vabbè, dopo retrocessioni e ripescaggi,  fallimenti e curatele, improbabili cordate e rami d’azienda, cambi di matricola e rinascite, potremo dire di aver visto anche questa… Il calcio liofilizzato, in confezione asettica. Il cyborg di Blade runner ne avrà pur viste di tutti i colori, ma a noi calciofili ci fa una pippa!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Bonus Bici e Monopattini 500 euro: tutte le informazioni

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi a Vicenza

  • Esce di strada e fa un volo di 50 metri: gravissimo ciclista 

  • Assalto in villa, banda tiene sotto scacco un'intera famiglia: bottino da migliaia di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento