Intervista a Pierluigi Brivio: "Il Vicenza della Coppa Italia e quella serata con il Chelsea..."

A 22 anni dalla storica partita di Stamford Bridge, I Titolari Podcast nella puntata “Vicenza 1996-98: l’ultima favola italiana”, disponibile gratuitamente sulle principali piattaforme di Podcast da giovedì 14 maggio, ha intervistato il portiere titolare di quel Lane, con più di 400 presenze tra i professionisti tra Atalanta, Venezia, Genoa e Napoli solo per citare alcune squadre.

Maini e Brivio in L.R. Vicenza-Milan del 27 novembre 1996, Quarti di Finale di Ritorno della Coppa Italia 1996-1997 (foto Wikipedia)

Di seguito un estratto dell'intervista realizzata da “I Titolari Podcast” disponibile sulle principali piattaforme di Podcast come Google Podcasts, Spreaker, Spotify ed Apple Podcasts. L’intervista integrale si può ascoltare qui.

Guidolin e quel biennio da sogno con il Vicenza

Con il Vicenza, la città, i suoi tifosi e i miei compagni di squadra è rimasto un legame particolare. Abbiamo un gruppo whatsapp in cui ci scriviamo messaggi e siamo sempre in contatto. Con Otero e Mendez abbiamo tanti contatti e con il fuso orario ogni tanto noi svegliamo loro e loro svegliano noi. Guidolin veniva da una parentesi negativa con l’Atalanta, ma sapeva quello che voleva e riusciva a farti dare il massimo. Ci allenavamo nell’antistadio, lì dove la domenica venivano parcheggiate le macchine. Un giorno, mentre stavamo facendo stretching insieme, Guidolin per tirare fuori i palloni dalla rete è inciampato e abbiamo fatto fatica a non scoppiare a ridere, fino a quando ci ha dato il via libera e da lì si è creato un rapporto speciale.

La Coppa Italia e le sfide con Lucchese, Genoa, Milan e Bologna

Facevo il titolare in Coppa Italia e, dopo la prima partita con la Lucchese in cui avevo commesso un errore, temevo di tornare in panchina, ma Guidolin ed Ernesto Galli, l’allenatore dei portieri, hanno continuato a puntare su di me. Dal turno con il Milan qualcosa è cambiato in noi. Al ritorno, il Milan aveva schierato tutti i titolari, ma io feci una parata importante su Savicevic e tutt’ora viene ricordata come una delle mie migliori parate. Arrivati in semifinale, abbiamo iniziato a crederci, anche perché tutte le big erano fuori, quindi ce la giocavamo con tutte. Il pubblico credeva più di noi alla vittoria e ci ha spinto tanto.

La finale con il Napoli e la festa con i tifosi e la città

Verso la fine dei tempi supplementari, stavo iniziando già a pensare alle caratteristiche dei tiratori azzurri, poi hanno segnato Rossi e Iannuzzi e abbiamo vinto, anche se dopo il 3-0 avevo richiamato Viviani che aveva già iniziato a esultare con i nostri tifosi, ma la partita non era ancora finita (ride, ndr)! Sul palo di Caccia avevo sfiorato il pallone, quindi ha cambiato direzione grazie al mio tocco. Il boato del pubblico al gol di Rossi non l’ho più sentito, neanche in stadi più grossi. I giorni successivi sono stati più belli ancora, perché apprezzavamo meglio quello che avevamo fatto. Dopo la partita, ci siamo dati appuntamento alle 5.30 del mattino in Piazza dei Signori e ci siamo messi a giocare a calcio-tennis in piazza, mentre i tifosi dormivano e noi ancora celebravamo.

La doppia sfida con il Chelsea

Speravamo di pescare la Lokomotiv Mosca, ma l’urna non ci ha aiutato. La gara d’andata ci ha dato consapevolezza per potercela giocare davvero. Nell’intervallo sull’1-1 ci siamo guardati ed eravamo quasi increduli di quello che stavamo facendo e questo forse ci ha un po’ impauriti. Se avessi saputo che Luiso aveva in mente di zittire il pubblico gli avrei detto di non farlo, io ed altri del gruppo da tanti anni a Vicenza glielo avremmo impedito, ma lui era fatto così, era espansivo, era il suo istinto, non lo si poteva fermare, ma è stato bello così.

L’addio di Guidolin

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ sempre stato correttissimo, non ci aveva detto niente, ma in città comunque se ne parlava. Dopo la delusione con il Chelsea, dovevamo giocare una partita fondamentale con la Lazio, dovevamo vincere per non retrocedere e lo abbiamo fatto. Abbiamo giocato una grandissima partita, sia a livello mentale che fisico, è stato l’ultimo regalo per noi e per il mister.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Bonus Bici e Monopattini 500 euro: tutte le informazioni

  • Esce di strada e fa un volo di 50 metri: gravissimo ciclista 

  • Assalto in villa, banda tiene sotto scacco un'intera famiglia: bottino da migliaia di euro

  • Coronavirus: 150 contagi a Vicenza, 487 in Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento