rotate-mobile
Sport Stadio

Vicenza a Gubbio un punto che fa morale ma non classifca

I biancorossi impattano uno a uno nella gara contro gli umbri. Il risultato si concretizza nei minuti finali del primo tempo con i padroni di casa in vantaggio con Nwankwo e pareggio immediato di Mustacchio

Finisce uno a uno la sfida tra Gubbio e Vicenza che si sono affrontate in una partita che ha sottolineato tutti gli attuali limiti delle due squadre. A sorpresa, ma neanche tanto, la coppia Beghetto-Zanini ha fatto sedere Abbruscato in panchina (da dove l'attaccante non si è più alzato) e ha disposto la squadra con il 4-4-2 con Mustacchio esterno a destra e la coppia Paolucci-Baclet in avanti.

I biancorossi hanno iniziato tenendo il campo dignitosamente e, in una prima frazione povera di emozioni, hanno rischiato di passare in vantaggio con Gavazzi che al sesto minuto si è mangiato una clamorosa occasione sparando contro Donnaruma da pochi metri. Dall'altra parte Frison imitava il collega e respingeva la botta di Almici, lasciato troppo solo da Bianco. Un primo tempo che si stava consegnando allo zero a zero, quando nel giro di due minuti succedeva di tutto. Il Gubbio andava in vantaggio con il nigeriano, scuola Inter, Nwankwo che servito da Almici, bravo a lavorare un bel pallone al limite dell'area, faceva partire un potente destro che terminava la sua corsa sotto l'incrocio della porta di Frison. Palla al centro ed era subito pari: lungo lancio di Bianco che Gavazzi spizzava in area verso Paolucci: l'attaccante faceva partire un diagonale che Donnaruma deviava stendendosi in tuffo ma prima di tutti arrivava Mustacchio che realizzava con il più facile dei tap-in, la sua seconda rete stagionale in biancorosso.

La ripresa era di fatto un lungo monologo del Gubbio con il Vicenza che uscito Soligo per Pinardi, invece che spostare il baricentro in avanti, veniva schiacciato nella sua metà campo dai padroni di casa che inanellavano una lunga serie di punizioni dal limite. In una delle tante Frison doveva superarsi deviando in angolo il fendente di Rui, mentre era una provvidenziale traversa ad opporsi per due volte consecutive prima sula battuta di Caracciolo dai venticinque metri, poi, sulla successiva respinta rifrangendo il colpo di testa di Cottafava a Frison battuto. Scampato il pericolo per il rotto della cuffia, Beghetto cercava di cementare ancora di più il pareggio, togliendo Gavazzi e inserendo l'ennesimo difensore (Augustyn), e gli ultimi cinque minuti più recupero i biancorossi li passavano in trincea, portando a casa il punto che di fatto, viste le vittorie esterne di Ascoli e Nocerina, e il jolly che l'Empoli dovrà giocare lunedi sera, nella trasferta con il derelitto Albinoleffe, non migliora la sua classifica anzi la rende ancor più traballante, in vista del prossimo scontro interno contro la Sampdoria.

IL TABELLINO DELLA GARA

GUBBIO: (3-5-2) Donnaruma, Cottafava, Benedetti, Caracciolo; Rui, Nwankwo (76' Ragatzu), Lunardini, Almici, Guzman (5' Buchel) ; Ciofani, Mastronunzio (23' Graffiedi)
A disposizione: Farabbi, Sandreani, Boisfer, Raggio Garibaldi. All: Apolloni

VICENZA: (4-4-2) Frison, Brighenti, Tonucci, Zanchi, Bianco; Gavazzi (85' Augustyn), Soligo (56' Pinardi), Botta; Mustacchio (65' Bariti), Baclet, Paolucci.
A disposizione: Pinsoglio, Giani, Rigoni, Abbruscato. All: Beghetto-Zanini

ARBITRO: Nasca di Bari. Collaboratori: Citro e Melloni

RETE: 44' Nwankwo (G), 45' Mustacchio (V)

NOTE: Ammonito Tonucci , Zanchi (V)  Calci d'angolo 8-1. Recuperi: primo tempo 2', secondo tempo 3'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza a Gubbio un punto che fa morale ma non classifca

VicenzaToday è in caricamento