Gubbio - LR Vicenza, il pre partita di Colella: l'autocritica da galantuomo

Il tecnico biancorosso fa mea culpa e medita il riscatto in Umbria

Giovanni Colella

Il Verbo di Giovanni Colella arriva con un piede già sul predellino del pullman per Gubbio e con ai box diversi pezzi da novanta. saranno assenti, infatti, assenti Cristian Andreoni, Tommaso Bortot, Stefano Giacomelli, Andrea Mantovani, Stefano Salvi e lo squalificato Nicola Pasini.

Metabolizzato completamente il mezzo passo falso con il Teramo, Mister?

“Ci abbiamo ragionato tutti assieme, tenendo conto che delle 15 gare sin qui disputate solo un paio, quest’ultima compresa, sono state del tutto sbagliate. Ci siamo detti, tuttavia, che, nonostante tutto, partite come quella di sabato vanno comunque portate a casa. Avessimo conservato i tre punti, magari il giudizio generale sarebbe stato meno severo, ma il mio no. E’ stata una partita che non mi è piaciuta per come l’abbiamo interpretata. Tutti dovevamo fare di più e per primo il mister, per cui se avessi dovuto scrivere io le pagelle, a me avrei dato l’insufficienza. Se un allenatore riesce ad incidere con le sue scelte è bravo, se non lo fa è censurabile.”

Un’ammissione di un’onestà sconcertante…

“Ma no, si tratta di non prendere in giro la gente. Le squadre molto forti sono in grado di trarre il meglio da ogni situazione. Noi non siamo molto forti, non ancora almeno. Diciamo che stiamo studiando da squadra forte: a tratti lo dimostriamo, altre volte no. Resta quindi la sensazione intensa che il risultato pieno, meritato oppure no, fosse alla nostra portata e noi invece ce lo siamo lasciati scappare.”

Nella tana del Lupo servirà partire subito forte, per non regalare magari mezzora agli avversari, come avvenuto a Fermo o a Imola…

“Nel nostro girone non ci sono squadre materasso. Il Gubbio ha almeno due o tre elementi validissimi: penso a Marchi, che è tra i migliori attaccanti di categoria, o a Casoli e Casiraghi. E’ una squadra che ha pochi punti ma anche il recente cambio di allenatore sta a significare che sono convinti di valere di più dell’attuale posizione in classifica. Se regaliamo loro campo ed iniziativa sono in grado di farci molto male. Per questo non possiamo permetterci di partire deconcentrati e distratti. Se avremo un approccio molle, stando lì, né carne né pesce, questi sono in grado sicuramente di farci male…”

Toccherà far nozze coi fichi secchi, viste le assenze.

“E’ inutile dire, come ho più volte affermato, che abbiamo 22 titolari se poi ci mettiamo a piangere quando qualcuna delle prime scelte viene a mancare. Sono convinto che anche al Barbetti metteremo in campo una formazione competitiva, cercando di prendere quello che la competizione ci dà.”

Ultima cosa… Ci sarà spazio per Razzitti?

“E’ probabile, anche perché loro dietro si metteranno a 4 e questo si adatta alla sue caratteristiche. Spero inoltre che Alessio Curcio riesca a sbloccarsi in zona gol. Lo spero per il ragazzo, prima ancora che per me, visto che sin qui si è sacrificato tanto raccogliendo ben poco. Voglio precisare però che anche contro il Teramo il suo apporto ci è mancato in zona gol, ma nell’economia generale è stato tra i più convincenti. Se tutti avessero messo in campo il suo giudizio, la sua tenacia e il suo ordine mentale, la partita non l’avremmo pareggiata. Fidatevi…”

Also sprach Colella. Non è che ce ne siano tanti, in giro, di bravi ed acuti come lui. Parola di vecchio opinionista!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Guida Michelin 2021: gli otto ristoranti stellati nel vicentino

Torna su
VicenzaToday è in caricamento