Lunedì, 15 Luglio 2024
Calcio

Verso Carrarese-Vicenza: partita da vincere anche sul piano psicologico

Niente pianti, niente Cassandre, niente rilassamenti. Il Vicenza imbattuto parte dallo 0-0, incerottato ma deciso a vendere cara la pelle. La difesa, anche nei play off, si è dimostrata un fortino quasi inespugnabile. Non c’è motivo per sentirsi già battuti. E’ arrivato ora il momento della fiducia e della speranza. Magari con l’aiuto della Signora di Monte Berico, che allontani da noi la coda di questa Maledizione di Montezuma

Stefano Vecchi mi piace per quello che gli sta riuscendo di fare a Vicenza ma anche per come lo sta facendo. “La Carrarese è stata migliore di noi” – ha detto nel dopopartita “Ci hanno fatto soffrire, ma siamo ancora in piedi.”. Dichiarazioni da sottoscrivere in pieno e che rivelano che il mister ha visto dalla panchina la stessa partita che abbiamo visto noi. Non come Di Carlo, insomma, che in conferenza stampa ci raccontava una gara che aveva visto solo lui… Questa comunione di valutazioni col pubblico è una delle tante ragioni che spiegano il cammino dell’allenatore da quando è arrivato. Molti supporters del Lane stanno lamentando l’ingiustizia per cui alcuni tra i fedelissimi, parliamo di quelli che hanno seguito la squadra nei tempi bui in trasferte molto disagevoli, sono rimasti senza tagliando per la finale di ritorno in Toscana. Hanno ragione, anche se non si poteva impedire a chiunque di accaparrarsi il posto allo Stadio dei Marmi. Io però sono incazzato anche per un altro aspetto. Leggo sui social o parlando con la gente tanto, troppo pessimismo sull’esito della gara di domenica. E mi sembra, oltre che foriero di sfiga (elemento che non ci serve evocare vista l’insistenza con cui ci ronza attorno) anche molto ingeneroso per una squadra che negli ultimi mesi, lo dicono i numeri, è stata la più forte del lotto.

Gli uomini di Calabro hanno fatto al Menti un’ottima prestazione, tenendo a lungo il pallino del gioco. Ciò nonostante Confente è rimasto praticamente inattivo, quasi spettatore non pagante. E se nonostante la supremazia tattico/atletica i gialloazzurri non sono riusciti a passare significa che non sono di un altro pianeta. E io, che sono “di coccio” continuo a pensare che il Vicenza sia più forte di loro. Lo sarà anche senza Golemic, Tronchin, Proia e Ronaldo e con il Loco, Laezza e Sandon a mezzo servizio? Avendo perso lungo il percorso anche Rolfini e Cavion? Non posso garantirlo, ma sento che a casa dei Cavatori vedremo i biancorossi meno svuotati e remissivi rispetto a mercoledì. Certo, vanno recuperati fisicamente giocatori apparsi a corto di carburante: Della Morte su tutti, ma anche Pellegrini e Greco. Certo ci vorrà un altro Delle Monache, cui resta solo questa opportunità per dimostrare di essere l’oggetto di mercato che è stato in estate. Potrebbe essere lui la spina nel fianco dei padroni di casa, mostrando la faccia buona del giocatorino impalpabile che è stato nel turno di andata. Certo occorre sperare che Pippo Costa non fletta nella forma e che Faustino Rossi ce la faccia a vestire i panni del direttore d’orchestra ora che non c’è più il brasileiro. E certo, infine (ma sommamente importante) che ci dia una mano quella botta di culo che sin qui non ha favorito il Lane. Abbiamo bisogno di tante cose per vincere, ma mi fa girare le palle sentire qualche menagramo che chiama la sfortuna.

Siamo noi, non la Carrarese, che non perdiamo da 23 turni: un’enormità. Siamo noi che abbiamo dalla nostra parte storia, tradizioni, esperienze, ambiente e gruppo squadra. “Non voglio vedere teste basse e occhi spenti” ha continuato il mister dopo lo 0-0 faticosamente conquistato. Ferrari ha un problema muscolare vicino allo stiramento ma può essere che lo utilizzi ugualmente. Abbiamo fatto tanto per arrivare sin qui che dobbiamo anche prenderci i nostri rischi. Non sarà assolutamente facile. Per noi ma anche per loro!” Personalmente non faccio pronostici, dopo aver cannato clamorosamente quello della prima partita. Ma sono ottimista e fiducioso. Abbiamo perso qualità per strada, ma sento che batteremo anche il Destino avverso. Onore alla Carrarese, ma noi siamo il Lanerossi Vicenza e se ne accorgeranno…

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso Carrarese-Vicenza: partita da vincere anche sul piano psicologico
VicenzaToday è in caricamento