rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Calcio

LR Vicenza: mano pesante del Giudice Sportivo

Multa salata anche per la società biancorossa

Il Giudice Sportivo Dott. Stefano Palazzi, assistito da Irene Papi e dal Rappresentante dell'A.I.A. Sig. Marco Ravaglioli, nella seduta del 19 Maggio 2024 ha rilevato che dai referti acquisiti agli atti è risultato quanto segue: 

A) i sostenitori della Società Taranto, posizionati nel Settore Curva Nord A, hanno lanciato: 1. al 1° minuto del primo tempo, quindici petardi di elevata intensità, cinque fumogeni e un seggiolino sul terreno di gioco; cinque fumogeni, tre petardi di elevata potenza e un seggiolino nel recinto di gioco; durante tali atti il tappo di un petardo scoppiato colpiva il DGE della Società LR Vicenza che si trovava all'interno del terreno di gioco insieme ad altro personale di servizio mentre effettuavano la bonifica del terreno di gioco per permettere la ripresa di gioco della gara sospesa per 8 minuti dall'Arbitro; 2. al 24° minuto del primo tempo, mentre un Vigile del Fuoco si accingeva a spegnere un fumogeno sul terreno di gioco veniva lanciato, verso di lui, un petardo di elevata potenza che scoppiava a breve distanza da lui, altro petardo di elevata potenza veniva lanciato nei pressi del Settore riservato agli operatori di servizio colpendo uno Steward ad un piede provocando una ferita lacero contusa con perdita di sangue e allo stordimento di altro Steward; gli stessi dopo le prime immediate cure da parte degli operatori sanitari venivano accompagnati presso il locale ospedale per ulteriori accertamenti; 3. durante l’intervallo, quattro fumogeni, un seggiolino e una bottiglietta di acqua semipiena, tali lanci costringevano l’Arbitro ad iniziare il secondo tempo con un minuto di ritardo; 4. al 10° minuto del secondo tempo, un fumogeno sul terreno di gioco nell’area di rigore costringendo l’Arbitro a interrompere la gara per un minuto. Il lancio dei predetti fumogeni e petardi hanno causato danni ai LED posizionati a bordo campo ed ai teli di copertura; inoltre sono stati causati danni con bruciature vistose anche ad oggetti personali degli Steward (borsoni e giacconi);

B) i sostenitori del Taranto, al termine della gara, dopo che le squadre hanno fatto rientro negli spogliatoi, hanno danneggiato e lanciato trentotto seggiolini sul terreno di gioco e quarantotto seggiolini nel recinto di gioco, numero due estintori e tre pile;

C) i sostenitori del Taranto hanno, danneggiato molte parti dei servizi igienici nel Settore loro riservato;

D) dai referti sono emerse, altresì, a carico dei sostenitori della Società L.R Vicenza, occupanti il Settore Curva Sud, le seguenti condotte: al primo minuto del primo tempo, lanciavano, in risposta ai lanci effettuati dalla tifoseria avversaria, numero dodici fumogeni sul terreno di gioco contribuendo a determinare un’interruzione della gara dal 1° all’ 8°minuto; inoltre, durante la gara, lanciavano tre fumogeni nel recinto di gioco e sei petardi sul terreno di gioco, senza conseguenze.

Per i motivi esposti, in ordine alle condotte sopra specificate poste in essere dai sostenitori del TARANTO e L.R. VICENZA, il Giudice Sportivo ha adottato i seguenti provvedimenti: 

Società L.R. VICENZA AMMENDA DI EURO 10.000,00 Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13, comma 2, 25, comma 3 e 26 C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e che i fatti sopra indicati sono connotati da particolare gravità, in quanto hanno rappresentato un rilevante rischio per l’incolumità dei tesserati, dei tifosi e degli addetti ai servizi, rilevato che non si sono verificate conseguenze (ulteriori rispetto al concorso nella interruzione della gara sopra descritta) e considerate le misure previste e poste in essere in applicazione dei modelli organizzativi ex art. 29 C.G.S. (r. Arbitrale, r. proc. fed., r. c.c., integrazione r. c.c.).

Società TARANTO OBBLIGO DI DISPUTARE DUE GARE CASALINGHE A PORTE CHIUSE ED EURO 15.000,00 DI AMMENDA Da quanto sopra esposto appare evidente la gravità dei comportamenti dei sostenitori del TARANTO. Invero, le condotte sopra riportate sono state perpetrate in violazione degli artt. 6, 25 e 26 C.G.S. e costituiscono fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e fatti violenti integranti pericolo per l’incolumità pubblica. Nella specie va rilevato che esse hanno determinato, anche in concreto, la sospensione della gara per otto minuti da parte dell’Arbitro, la ritardata ripresa del gioco dopo l'intervallo di circa un minuto e altra interruzione della gara al 10° minuto del secondo tempo per un minuto. Inoltre, hanno rappresentato un rilevante rischio per l’incolumità dei tesserati e dei tifosi e d egli addetti ai servizi e hanno provocato ingenti danni all’impianto sportivo in quanto il lancio del materiale pirotecnico ha comportato conseguenze pregiudizievoli a carico dei due Steward e il DGE della Società LR Vicenza. Alla luce di quanto sopra esposto e osservato, nelle condotte di cui sopra si deve ritenere ricorrente un caso di particolare gravità che, in applicazione del comma 3 dell'art. 26 cit., impone l'inflizione, congiunta o disgiunta, anche di una delle sanzioni di cui all'art. 8, comma 1, lettere d), e), f), C.G.S. Nell'individuazione della sanzione più adeguata ed equamente commisurata alla gravità delle condotte perpetrate e alle conseguenze concrete che ne sono derivate, appare congrua la sanzione prevista dalla lettera e) e cioè l'obbligo a carico della Società Taranto di disputare una o più gare a porte chiuse, oltre all'irrogazione di un'ammenda. La congrua graduazione della sanzione, commisurata alla gravità dei fatti scrutinati, appare quella di seguito indicata. Ritenuta la continuazione, la misura della sanzione viene determinata in applicazione degli artt. 6, 8, lett. b) ed e), 13, comma 2, 25 e 26, comma 3 C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e la loro gravità, rilevato che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta (r. Arbitrale, r. proc. fed., r. c.c., integrazione r. c.c., documentazione fotografica - obbligo di risarcimento danni se richiesto). La misura medesima è attenuata in considerazione dei modelli organizzativi adottati ex art. 29 C.G.S. Per l’effetto, commina la sanzione della disputa di due gare casalinghe a porte chiuse e di EURO 15.000,00 di ammenda. Dispone che la sanzione della disputa di due gare casalinghe a porte chiuse sia scontata in occasione delle prime due gare casalinghe del prossimo Campionato che la Società TARANTO disputerà. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LR Vicenza: mano pesante del Giudice Sportivo

VicenzaToday è in caricamento