rotate-mobile
Calcio

25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: sui campi da calcio con un segno rosso sul viso

#nonminascondo è l’hashtag di quest’anno. Prima delle gare verrà letto un messaggio per sensibilizzare su questo tema assai importante

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il Comitato Regionale Veneto FIGC - LND partecipa attivamente con una propria iniziativa (che segue quella del Dipartimento Calcio Femminile della LND) disponendo, in tutte le gare che si svolgeranno venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 Novembre 2022, che le calciatrici ed i calciatori facciano ingresso sul terreno di gioco con un segno rosso sul volto come simbolo contro la violenza sulle donne e che prima dell’inizio delle gare venga letto un messaggio opportunamente predisposto che di seguito si propone. Il messaggio vuole sensibilizzare tutti sul dovere morale di dare impulso, avviare o continuare a tenere accesa quella luce che illumini la coscienza, la cultura, in difesa delle donne. Per questo è ancora più prezioso il lavoro di chi non solo il 25 novembre, non solo nelle occasioni ufficiali, educa animi e menti alla cultura della non violenza e del rispetto. 

Questo il messaggio che verrà letto: "Non mi nascondo. La violenza non si combatte con la violenza, ma con la cultura. Lo sport, il calcio, possono e devono essere palestra non solo del corpo, ma della persona tutta, insegnando i valori del rispetto di sé e dell’altro, mai diverso, mai più debole, mai inferiore. #nonminascondo come donna e come uomo perché spesso la violenza ha la faccia di chi conosciamo, e fa più paura. Perché le donne non sono proprietà di nessuno, se non di loro stesse, non sono la metà di nessun cielo, sono persone. La partita più importante oggi si gioca su un campo grande quanto il mondo : accettare la vita e contrastare la violenza".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne: sui campi da calcio con un segno rosso sul viso

VicenzaToday è in caricamento