Si torna al Menti: appello ai tifosi

"Noi abbiamo bisogno di sentire il loro incitamento" ha dichiarato mister Di Carlo nel pre Vicenza-Salernitana

E arriva l’ora (Covid permettendo) di giocare Vicenza-Salernitana, dopo l’inopinato rinvio della gara con Monza. I campani si presentano al Menti forti del poker inflitto ai torrependenti in quel di sabato scorso. Nella conferenza stampa della vigilia Di Carlo evidenzia tutto il rispetto per l’avversario, sia perché stima molto mister Castori, sia perché teme lo stile di gioco degli ospiti: “I granata – ha commentato – sono una formazione insidiosa che cerca la profondità scavalcando il centrocampo con lanci lunghi per la testa di Djuric, che è imbattibile di testa. Sulle sue spizzate attenti a Tutino, un elemento veloce e tecnico capace di sfruttare benissimo le seconde palle.”

I 7 punti in classifica ottenuti sin qui dalla Salernitana la dicono lunga sull’efficacia del loro gioco, anche se l’impressione è che nel 4-1 con cui hanno liquidato il Pisa ci sia anche qualche bella responsabilità del tecnico D’Angelo. Se scorriamo i tabellini storici, infatti, notiamo che tanto l’ex biancorosso Tutino, né l’autore della doppietta, Kupitz, sono giocatori abbonati al gol.

“Bisogna non fare errori in difesa – ha infatti sottolineato Mimmo – perché loro vanno velocemente in porta, sfruttando ogni occasione. Proprio la capacità realizzativa potrà fare la differenza. Mi aspetto che avremo nel corso della gara almeno 4 o 5 occasioni da rete, ma dovremo concretizzarle, altrimenti, ho già avvertito i miei, si rischia di perderla su un rovesciamento di fronte. Dovremo disputare dunque la partita su un canovaccio un po’ diverso rispetto a quanto facciamo di solito, cercando l’aggressività e la concretezza.”

L’infermeria del Lane non è affollata e quindi il tecnico avrà un problema di scelte, soprattutto in avanti. Sicuramente indisponibili sono soltanto Meggiorini e Ierardi. Partiranno probabilmente dalla panchina Longo, Jallow e Nalini, mentre è probabile che l’allenatore affidi la fascia arretrata destra a Zonta. Il ballottaggio a centrocampo è tra Cinelli e Rigoni, per una formazione che potrebbe essere: Grandi, Beruatto, Padella, Cappelletti, Zonta (Bruscagin), Vandeputte, Rigoni (Cinelli), Pontisso, Dalmonte, Guerra (Gori), Marotta.

Infine un appella dell’allenatore al pubblico, che fa seguito a quello lanciato in settimana del presidente: “Raccomando ai tifosi di venire al Menti. Noi abbiamo bisogno di sentire il loro incitamento. Non importa se sono 500, 600 o 1000, l’importante è che riempiano lo stadio coi loro cori!”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roberto Baggio parla per la prima volta della moglie: "Per lei non facile"

  • Coronavirus, Vicenza maglia nera come numero di positivi

  • Ressa per le scarpe Lidl, corsa all'acquisto: esaurite anche a Vicenza

  • Esce di strada con l'auto e muore sul colpo: aveva solo 25 anni

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

Torna su
VicenzaToday è in caricamento