rotate-mobile
Basket

Il Famila Schio si prende gara 1, vittoria per 83-73 sulla Virtus Bologna

Sabato 30 aprile, palla a due alle ore 20, Gara 2. L'ingresso al PalaRomare sarà ancora gratuito

Inizia nel migliore dei modi la finale scudetto per il Famila Wuber che si impone a domicilio per 83-73 sulla Virtus Bologna e si porta avanti uno a zero nella serie. Determinante il solco scavato nei primi tre minuti, quel break di 11-1 che le scledensi hanno sostanzialmente mantenuto inalterato per tutto il resto della gara.

Le bianconere hanno provato a più riprese a riavvicinarsi ma non sono mai riuscite ad impattare la contesa. Importante per Schio la serata al tiro dall’arco (8/19) e un buon controllo a rimbalzo (36 a 28), mentre tante sono state le palle perse così come scarsa la percentuale ai tiri liberi (19/29). Da segnalare: la doppia doppia di Keys (12 punti e 10 rimbalzi) e la quasi doppia doppia di Mestdagh (9 punti e 8 assist).

La partita - Avvio pirotecnico del Famila che buca subito le avversarie con Mestdagh e Gruda, prima della sfuriata anche di Laksa che con la tripla dell’11-1 costringe Gianolla al timeout dopo 180 secondi. In attacco le orange pasticciano un po’ e concedono il fianco alle ripartenze ospiti che, con Dojkic e Turner tornano a meno tre. Il timeout di coach Dikaioulakos, unito ai cambi, sistema subito le cose: Gruda ed Andrè puniscono vicino a canestro mentre Sottana firma la tripla del 21-15.

Un'incontenibile Barberis (7/7 da due in serata) mantiene a contatto la Virtus ma Andrè e Keys continuano a respingere gli arrembaggi ospiti. Schio riesce a mettere in difficoltà al difesa felsinea e a guadagnarsi importanti viaggi in lunetta ma tra il 16’ ed il 18’ è Laksa, con due triple, a far volare le padrone di casa sopra alle dieci lunghezze di vantaggio: 43-29.

Rientro concentrato delle due squadre sul parquet, in particolare delle vù nere che ora appaiono particolarmente ispirate in attacco e difesa: in tre minuti, infatti, segnano ben 13 punti trascinate da Zandalasini e si riportano sul -8. Un’ottima uscita dal pressing a tutto campo della Segafredo, porta Keys ad appoggiare il nuovo +10 mentre Turner e Laksa, poco dopo, commettono entrambe il loro terzo fallo personale. Nel finale clamoroso 0/3 di Sottana ai liberi sul 4° fallo di Turner che scatena le proteste di Gianolla punita con un tecnico: 60-49 al trentesimo.

Dopo due minuti di apnea offensiva, Sottana si inventa la tripla del nuovo +12 che trova un controbreak di 6-0 ospite. Si aggiungono alla serie anche Mestdagh e Crippa, fin qui poco precise al tiro, con due conclusioni pesantissime: 69-59 al 35’. Schio continua a litigare in lunetta ma capitan Dotto, con la rubata, mette d’accordo tutti. La Segafredo accusa stanchezza e allora per il Famila è tempo di gestire con esperienza ogni possesso: Sottana e Laksa non tremano dalla linea della carità e firmano il definitivo 83-73 finale.

Sabato alle 20 si torna in campo per gara due che la società ha deciso di rendere ancora ad ingresso gratuito per garantire un PalaRomare sold out e caldissimo come nelle ultime due gare.

Il tabellino di Famila Wuber Schio - Virtus Segafredo Bologna 83-73 (21-15, 43-29, 60-49)

Famila Wuber Schio: Mestdagh 9, Sottana 13, Gruda 10, Verona 0, Crippa 3, Andrè 9, Dotto 9, Keys 12, Laksa 18, Mutterle ne

Virtus Segafredo Bologna: Sagerer 3, Pasa 0, Tassinari 0, Ciavarella ne, Barberis 17, Dojkic 9, Battisodo 5, Turner 8, Zandalasini 19, Cinili 12

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Famila Schio si prende gara 1, vittoria per 83-73 sulla Virtus Bologna

VicenzaToday è in caricamento