menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Novità: nasce lo spritz salutare made in Vicenza

Una versione analcolica del celebre aperitivo con l'acqua delle Piccole Dolomiti, che si vendeva solo in farmacia

Fonte Margherita di Torrebelvicino rilancia uno dei più apprezzati e famosi aperitivi italiani: lo spritz.  Una idea per regalare nuove emozioni, e incentivare la giusta socialità nel rispetto dei principi salutistici. Analcolico, con acqua minerale delle Piccole Dolomiti, zuccheri della frutta e aromi naturali.
“Questo Spritz salutistico nasce per combattere la solitudine, quella dei consumatori italiani e degli operatori dell’Ho.re.ca. che hanno subito pesanti ricadute economiche per l’emergenza sanitaria. Noi lavoriamo per il post-pandemia, per la ripartenza del fuoricasa che ci auguriamo non lontana. Abbiamo realizzato “Spritz Zero” per rafforzare la proposta dell’ho.re.ca. promuovendo una socialità in chiave salutistica” dichiara Denis Moro, ceo di Fonte Margherita.

Fonte Margherita

Le acque di Fonte Margherita nascono nelle alte Piccole Dolomiti, rappresentano un patrimonio italiano. L’azienda, nata nel 1845 da un gruppo di farmacisti che ne identificano le qualità terapeutiche. Agli inizi la vendita al pubblico era possibile esclusivamente alla fonte per poi progressivamente essere distribuita nelle farmacie locali. La vallata è stata a cavallo del diciannovesimo e ventesimo secolo uno dei luoghi preferiti dei regnanti per i soggiorni estivi grazie ai paesaggi incontaminati e alle specificità delle acque che queste montagne possono offrire. In particolare la Regina Margherita di Savoia alla quale sono state dedicate due fonti della vallata, la Fonte Margherita e la Fonte Regina-Staro scoperta nel 1902.

Le acque di Fonte Margherita hanno differenti caratteristiche l'azienda dispone di due impianti di imbottigliamento alle pendici delle Piccole Dolomiti, dislocati a Torrebelvicino e a Valli del Pasubio.

Entrambi gli stabilimenti hanno una capacità produttiva di 14.000 bottiglie/ora e hanno un saturatore che permette di dosare la CO2, al fine di offrirti le 3 gasature richieste (naturale, leggermente frizzante e frizzante). Nello stabilimento di Torre vi è anche una sala sciroppi, utilizzata per la produzione di bibite gassate analcoliche, dove si farà anche il nuovo spritz.

Dopo circa un ventennio di opacità a causa dell’approdo nel mercato italiano della plastica, l'azienda ha iniziato nel 2017 un percorso di rilancio che fa della salvaguardia della tradizione e delle competenze specifiche sviluppate nella vallata le fondamenta del progetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La montagna frana: addio alla guglia Corno

Sicurezza

Comincia l'invasione delle formiche: i rimedi naturali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento