menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non una di meno: 500 persone in piazza per lo sciopero transfemminista

Tante giovani, insieme a donne di ogni età, hanno scandito slogan e hanno rivendicato il diritto a un reddito incondizionato, ad un lavoro senza disparità salariali e di genere, all'accesso sicuro all'aborto, ad essere libere da violenze, ricatti economici, obiettori di coscienza e antiabortisti negli ospedali

A Vicenza più di 500 persone hanno partecipato ieri allo sciopero transfemminista lanciato per l'8 marzo da Non Una Di Meno. Da piazza Matteotti a Campo Marzio, passando anche davanti alla Prefettura, al Comune e a Confindustria, una marea festosa e determinata ha rivendicato i motivi dello sciopero.

Tante giovani, insieme a donne di ogni età, hanno scandito slogan e hanno rivendicato il diritto a un reddito incondizionato, ad un lavoro senza disparità salariali e di genere, all'accesso sicuro all'aborto, ad essere libere da violenze, ricatti economici, obiettori di coscienza e antiabortisti negli ospedali. In piazza Esedra, al termine della street parade, le partecipanti hanno espresso la propria contrarietà alle politiche securitarie che limitano i diritti delle persone straniere.

Ad accompagnare il corteo, tanta musica e tante persone cariche di energia e decise a contrapporsi alle politiche che ostacolano i diritti delle donne, in particolare alle mozioni antiabortiste approvate recentemente in alcuni Comuni, tra cui Verona e Genova. La street parade si è conclusa al bar Smeraldo con la musica di Olol Jackson Trash All Stars.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arriva il nuovo gioco di Chiara Ferragni, made in Veneto

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Frontale tra una Smart e un'Alfa: una donna in ospedale

  • Attualità

    Caso Ventre, mozione in vista a palazzo Trissino

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento