menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rosi: da produttrice di piccoli frutti ad operatrice sociosanitaria

La storia di Rosi da Marostica, lascia il lavoro in campagna per aiutare in ospedale

Da produttrice di piccoli frutti ad operatrice sociosanitaria. Quando il cuore detta le azioni, che si traducono in solidarietà per la comunità. È una storia di generosità e volontariato quella di Rosella Frigo  "Rosi", da Crosara di Marostica (Vicenza).
Raccontiamo la sua storia, dalla sua stessa voce, perché sia speranza per tutti in un periodo tanto difficile, e segnale che in ogni fase della nostra vita possiamo portare "piccoli frutti" per cambiare il corso delle cose.
 "Avevo già lavorato 10 anni come operatrice socio sanitaria, in quella che definisco la mia scorsa vita. Durante il locktown, mia mamma era in casa di riposo a Roana e non potevo farle visita. il 23 Marzo è mancata,  pochi giorni dopo, sono venuta a conoscenza di un appello relativo alla ricerca di operatori socio sanitari ed infermieri in varie strutture del Vicentino. Mi sono subito attivata ed ho iniziato 40 giorni di volontariato ad Asiago, che mi ha avvicinata a mia mamma e mi ha dato una grande gioia, anche se lei non c'era più. Successivamente mi è stata fatta una proposta per un contratto part-time e ho deciso di proseguire con questo mio impegno professionale, che viene anzitutto dal cuore. 

Ho sentito il bisogno di essere al servizio della comunità in questo difficile periodo. Ho applicato quanto imparato come produttrice di piccoli frutti in provincia di Vicenza. La mia capacità organizzativa mi ha aiutato tantissimo, così per gli operatori ho realizzato un kit sanificatore ispirandomi alle procedure adottate in una apparecchiatura analoga a quella usata nel mio laboratorio per fare marmellate. Sono una volontaria, credo di fare qualcosa di buono per gli altri un momento di grande tensione e disagio. Ci saranno tempi migliori ne sono certa, ma per ora le mie confetture possono aspettare."

C'è chi rifiuta di andare a lavorare in ospedale, lei invece lo ha scelto con grande senso di responsabilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La montagna frana: addio alla guglia Corno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento