Musica e arte al “Circolo Italico”: il volto culturale della Movida Vicentina

Prendi un locale "storico" della Vicenza anni '80 e riproponilo con una forma innovativa: uno spazio aperto dove chiunque può esprimersi e dove si può ascoltare un concerto anche nei lunedì "deserti" delle serate vicentine

Stesso posto ma filosofia completamente diversa. Lo storico locale della Vicenza anni '80, il "Big Ben", in contra' del Castello torna in vita grazie all'associazione culturale "Il Crocicchio" con il nome di "Circolo Italico Artisti Indipendenti". Aperto il 12 ottobre scorso da Alex Vit e Sara Segato, il circolo offre una formula originale e nuova per la città, basata su un concetto di fondo: la cultura va condivisa.

Il luogo si propone infatti come centro di aggregazione per musicisti, scrittori ma anche visual artist e ballerini che hanno a disposizione uno spazio completamente rinnovato, su tre piani, aperto dalle due del pomeriggio e fino a notte fonda, dove si può anche assaggiare del buon vino o delle pietanze rigorosamente "fatte in casa".

Per quanto riguarda la musica, c'è un palco a disposizione, liberamente aperto a tutti, e una sala prova al piano sotterraneo, con una batteria e un'atmosfera tra l'underground e il porpora dei jazz club. Gli strumenti si possono anche portare da casa, basta attaccarsi a un amplificatore e il gioco è fatto. Inoltre, in accordo con i gestori, è possibile organizzare laboratori di scrittura, mostre di quadri e spettacoli, dj set e concerti sotto alla volta di mattoni del palchetto all'entrata del circolo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un progetto che, nelle intenzioni di Sara e Alex, vuole ripensare un centro storico dove la parola "cultura" sembra essere appannaggio solo di certe stanze del "Palazzo" e in mano solo a certi "curatori" designati e dove la parola "movida" è spesso associata a uno "sballo" svuotato da ogni significato. Ma sotto la superficie, anche a Vicenza, esiste un mondo di giovani artisti o semplicemente di persone per le quale l'arte, ma anche il dialogo accompagnato al convivio, rappresenta una via che, come in questo caso, può trovare corpo sociale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al laghetto di Marola la nuova spiaggia di Vicenza

  • Auto finisce capovolta nel torrente: muore conducente, ferita la passeggera

  • Allagamenti e frane, il Vicentino flagellato dal maltempo: alluvione a Solagna

  • Trasportano alimenti con 60 gradi nel furgone: maxi multa a un pasticciere

  • Folgorato da una scarica elettrica: grave operaio

  • Frontale tra due moto: gravi i conducenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento