Mercoledì, 22 Settembre 2021
social

Scopri i Borghi più belli del Vicentino e in Veneto

Sono undici i borghi della nostra Regione che possono fregiarsi della bandiera arancione, questo importante vessillo è stato assegnato ad un gioiello di cui andare orgogliosi in provincia di Vicenza

Foto: marostica summer festival

Sono undici i borghi del Veneto che confermano la Bandiera Arancione, lo annuncia il Touring Club Italiano. Possono fregiarsi di questo importante vessillo che dura tre anni i comuni con meno di 15mila abitanti che valorizzano l’accoglienza, il paesaggio, la storia e le tipicità. Il Veneto con questa prestigiosa conferma dimostra di essere una terra ricca, anche sotto questo punto di vista, con questi piccoli tesori da riscoprire, valorizzare, ma soprattutto custodire.

In provincia di Vicenza

  • Marostica

Uno dei complessi medievali più importanti del Veneto. Adagiata sulla fascia pedemontana che si estende dall'Astico al Brenta, poco distante da Vicenza e Bassano del Grappa, la città di Marostica è racchiusa tra le antiche mura dei suoi Castelli e conserva ancor oggi la magia delle epoche passate.

La caratteristica cinta muraria parte dal Colle Pausolino e scende fino al centro storico, collegando il Castello Superiore a quello Inferiore. Il sentiero dei Carmini è il percorso panoramico che segue le mura regalando ai visitatori un panorama suggestivo. Una visita la merita il Doglione, anticamente detto Rocca di Mezzo, risalente all'epoca medioevale. L'edificio fu prima casello daziario per le merci in entrata ed in transito e poi sede della Cancelleria dell'archivio dei protocolli e dell'armeria.

La celebre partita a scacchi è considerata la massima espressione della tradizione marosticense, un momento magico per la cittadina vicentina, definita anche la Città degli Scacchi. Si tratta di una rievocazione medievale che rivive ogni due anni nella celeberrima Piazza degli Scacchi, di fronte al Castello Inferiore, e che prende spunto da una leggenda. Si narra, infatti, che nel 1454 due nobili guerrieri si fossero entrambi innamorati di Lionora, figlia del Castellano di Marostica. Questi vietò ai due contendenti di battersi in un cruento duello, imponendo invece una singolare sfida agli scacchi. La partita a pedine viventi si disputa il secondo venerdì, sabato e domenica del mese di settembre degli anni pari e coinvolge più di cinquecento figuranti vestiti con costumi d'epoca.

Chi giunge a Marostica in primavere rimarrà, invece, affascinato dalle morbide colline e dalla distesa dei ciliegi in fiore, un tenue colore bianco che dona alla chioma degli alberi un fiabesco candore.

In Veneto

Un prestigioso riconoscimento attribuito ai borghi che superano una severa selezione. Si tratta di un marchio di qualità turistico ambientale riferito a Comuni non solo belli e ricchi di attrattive, ma anche che riservano moltissimi servizi al turista e che si impegnano nel rispetto dell’ambiente e dei beni comuni. Le 262 Bandiere arancioni italiane certificate rappresentano infatti solo il 8% delle circa 3.200 candidature analizzate.

  • Arquà Petrarca (Pd),
  • Asolo (Tv),
  • Borgo Valbelluna (Bl),
  • Cison di Valmarino (Tv),
  • Malcesine (Vr), Marostica (Vi),
  • Montagnana (Pd),
  • Portobuffolè (Tv),
  • Rocca Pietore (Bl),
  • Soave (Vr)
  • Valeggio sul Mincio (Vr).

“Con la pandemia è cambiato il modo di viaggiare e di pensare alle vacanze; un plauso, dunque, alle Amministrazioni comunali per il riconoscimento ricevuto che premia anche l’impegno con il quale esse stanno affrontando la crisi e che, inevitabilmente, ha travolto il comparto turistico, la prima industria del Veneto – continua Caner -. Questo dimostra non solo che la nostra Regione è ricca di luoghi che godono di un patrimonio storico, culturale, ambientale di pregio, ma anche di territori che sanno offrire un'esperienza di viaggio unica ai propri ospiti. Infatti, l’accoglienza, oltre ad essere uno standard da soddisfare per ottenere la Bandiera Arancione, è uno dei punti di forza dell’offerta turistica regionale, un asset sul quale come Amministrazione continuiamo ad investire risorse per rendere perfetta l’esperienza di viaggio in Veneto”.

Così l’assessore al turismo della Regione del Veneto, Federico Caner, commenta la notizia del premio Bandiera Arancione assegnato quest’anno dal TCI a 262 borghi italiani, confermandone 251 già in essere. Tra questi 11 sono nel Veneto. Il marchio, valido per il triennio 2021-2023 e istituito 23 anni fa, intende evidenziare il potenziale turistico dei piccoli centri dell'entroterra con “l'obiettivo di diffondere la conoscenza dei territori, soprattutto quelli meno noti, educando alla bellezza del paesaggio e dell’ambiente - scrive sul suo sito lo stesso TCI”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scopri i Borghi più belli del Vicentino e in Veneto

VicenzaToday è in caricamento