rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
La ricerca ha prodotto 911 risultati per 61 pagine. Vedi anche l'argomento popolare vicenza
Ricerca Avanzata
Il monito di Confindustria ai candidati

Il monito di Confindustria ai candidati

In vista delle politiche del 25 settembre il raggruppamento berico lancia il suo grido di battaglia («l'impresa al centro»). Tuttavia i sindacati di base e il Cs Bocciodromo contestano in toto la lettura sociale del «grande capitale» e lanciano strali a 360 gradi Tav inclusa. La Cub invece usa il sarcasmo e definisce la convention aperta da Dalla Vecchia «un club Bilderberg de noantri»

«Le Camere tengano alta la guardia sugli indennizzi bancari»

«Le Camere tengano alta la guardia sugli indennizzi bancari»

Letizia Giorgianni, candidata per Fdi alle politiche, accende nuovamente i riflettori sulla débâcle delle ex popolari, fra cui le venete, chiedendo che si faccia chiarezza sui mancati ristori patiti da chi avrebbe comunque avuto titolo di accedere all'iter previsto dalla legge statale per i cosiddetti rimborsi Fir. E poi lancia un monito: «Serve più trasparenza nei prospetti di investimento proposti dagli istituti ai clienti»

L'indennizzo Fir va liquidato in toto anche se nella richiesta c'è un refuso

L'indennizzo Fir va liquidato in toto anche se nella richiesta c'è un refuso

Il Tar triestino stabilisce che i rimborsi seguiti al collasso delle ex popolari venete vanno garantiti anche se nella domanda inviata alla apposita commissione c'è un errore materiale. Il ricorso era stato presentato da un risparmiatore udinese della BpVi che aveva perso 130mila euro e al quale ora spetta un ristoro ex lege di 39mila euro. Esulta Ugone: «La burocrazia romana perde ancora»

Ex popolari venete, spiragli sugli indennizzi Fir

Ex popolari venete, spiragli sugli indennizzi Fir

Montecitorio ha appena varato il provvedimento che proroga il funzionamento della commissione speciale che eroga i ristori per i risparmiatori colpiti dal collasso degli istituti del Nordest. L'associazione «Ezzelino III da Onara» si dice fiduciosa per il risultato parziale ma ora occorre «il sì del Senato nonché un decreto legge da parte di palazzo Chigi» affinché gli ultimi rimborsi vadano a destinazione

VicenzaToday è in caricamento