Sanità al centro di Summer school 2019: “Rivedere il contratto del medico ospedaliero"

Duro l'intervento del direttore generale Area Sanità e Sociale della Regione Veneto durante l'up to date sulla sanità italiana in corso di svolgimento sull'Altopiano

“In Italia abbiamo lo stesso numero di medici della Germania e un numero maggiore di Francia e Inghilterra. La situazione però si capovolge quando parliamo di infermieri, in Italia 5 per mille su media europea che è dell’8 per cento. È il modello organizzativo che è diverso e rende il nostro sistema assistenziale più in sofferenza". Questo l'intervento di Domenico Mantoan, durante Motore sanità, l'up to date sulla sanità italian in corso di svolgimento sull'Altopiano.

"Altro discorso i medici ospedalieri - rincalza Mantoan - se spostiamo l’assistenza sul territorio dobbiamo anche rivedere la figura del medico ospedaliero che non può lavorare da solo, anche in questo caso dobbiamo cambiare il modello: il contratto è costruito su una logica vecchia degli anni 70, un medico viene assunto a 32 anni e guadagna 2.200 euro per 25 anni con turni massacranti, quando in Francia e Germania guadagna 4.500 euro netti al mese dal primo mese. Si deve adeguare il numero delle borse di studio ai medici che servono, abbiamo creato invece un sistema in cui i medici laureati ma non specializzati, si trovano nella terra di nessuno dove restano bloccati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Già oggi esiste una Sanità a due velocità, come spesso viene indicato una sanità di ‘Serie A o di Serie B’. La mobilità sanitaria ne è l’emblema principale - sottolinea Manuela Lanzarin, assessore Sanità e Sociale Regione Veneto anche lei riunita insieme ai massimi esperti del panorama sanitario nazionale - Per alzare il livello di qualità e di efficienza siamo convinti che la richiesta di maggiore autonomia, e quindi l’esercizio pieno delle competenze regionali in questa materia, può far bene a tutti, perché responsabilizza e avvicina le decisioni ai veri problemi e rende più efficace il sistema. Quindi non solo la richiesta di maggiore competenza e autonomia non esclude il controllo e la misurazione, ma concorre ad alzare il livello di qualità. I problemi della Sanità italiana entrino come tema principale nell’agenda politica nazionale e che non siano ridotti solo ai temi riferiti alla corruzione legata al criterio di selezione della classe dirigente. Corruzione che va combattuta in tutte le forme e in tutti i modi o a visioni che mettano in contrapposizione le Regioni nel diritto alla Salute che è sancito dalla Costituzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientrano dalle ferie in Crozia: cinque ragazzi positivi al Coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi: effetto focolaio di Casier

  • Tragedia in strada Lobia, il mondo del calcio piange il suo portierone: "Ciao Pilo"

  • Poliziotto blocca un ragazzo, scoppia il caos in piazza Castello

  • Baraonda dei rapper in albergo: intervento della polizia, denunce ed “espulsione”

  • Coronavirus, tre nuovi casi a Vicenza: aumentano gli isolati su tutta la regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento