rotate-mobile
Politica

Vicenza, rissa con machete a Campo Marzo, FdI: "Via a calci nel sedere"

Le dichiarazioni di Alex Cioni, di Fratelli d'Italia, Alleanza Nazionale: "Un fenomeno che sta assumendo i connotati di un vero e proprio allarme sociale oltre che di ordine pubblico"

"Campo Marzo e le vie limitrofe ormai sono in balia di vere e proprie orde di stranieri" - è il commento di Alex Cioni (FdI-An) sull'ennesimo fatto di violenza accaduto l'altra sera a Vicenza. "Non si può nemmeno dire che dalla questura e dal comando dei carabinieri - già all'osso a livello di personale - non facciano il loro lavoro visto che i controlli e i presidi in zona sono considerevolmente aumentati".

"Tuttavia - prosegue l'esponente del partito di Giorgia Meloni - questi continui fatti di cronaca nera sono la dimostrazione di come ci si trovi al cospetto di un fenomeno che sta assumendo i connotati di un vero e proprio allarme sociale oltre che di ordine pubblico. Se poi si considera che alcuni di questi soggetti che infestano la zona possono essere anche quei stessi profughi a cui dovremmo prestare soccorso grazie alla mitica operazione Mare Nostrum, il cerchio sulle criminali politiche del Governo italiano, relative all'immigrazione, si chiude miserevolmente".


L'esponente del coordinamento provinciale vicentino di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale polemizza con il Prefetto chiedendogli "se oltre a requisire edifici pubblici per ospitare gli immigrati come annunciato dal suo collega veneziano, questi soggetti non particolarmente inclini all'integrazione con i vicentini, saranno allontanati dall'Italia a calci nel fondo schiena o, nella migliore delle ipotesi, utilizzando quelle stesse navi militari che attualmente servono per salvare molte vite umane ma anche per incentivarne le partenze dal nord Africa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, rissa con machete a Campo Marzo, FdI: "Via a calci nel sedere"

VicenzaToday è in caricamento