rotate-mobile
Politica

Vicenza, blitz razzista al Liceo Lioy: "Resistenza etnica"

Lotta studentesca, il gruppo di estrema destra attivo nelle scuole, ha rivendicato l'affissione di alcuni volantini all'esterno del liceo Lioy di Vicenza inneggianti all'odio razziale. "Difendi il tuo simile" e "Resistenza etnica" gli slogan riportati

Blitz di Lotta Studentesca contro l'immigrazione al Liceo scientifico Paolo Lioy e in decine di città italiane. Il movimento giovanile di Forza Nuova ha affisso manifesti shock accompagnati da striscioni per esprimere la propria posizione sul fenomeno immigratorio. "Difendi il tuo simile" e "Resistenza etnica" sono gli slogan riportati nei volantini abusivi. 

Andrea Di Cosimo, responsabile nazionale di Lotta Studentesca, commenta così il blitz dei militanti: "È in crescita il numero di immigrati che illegalmente entra nel territorio nazionale. Con la minaccia terroristica che colpisce il cuore dell'Europa, la disoccupazione in crescita secondo gli ultimi dati ISTAT, i servizi segreti che ammettono l'esistenza di una forte correlazione tra immigrazione clandestina e terrorismo, un Governo forte e capace dovrebbe chiudere immediatamente le frontiere procedendo con i rimpatri degli immigrati irregolari presenti sul nostro territorio. Invece assistiamo alla prosecuzione di una politica scellerata: le nostre navi fungono da taxi per gli scafisti, centinaia di migliaia di finti profughi (anche l'Unione Europea riconosce che l'80% degli immigrati che arriva in Italia non ottiene lo status di "profugo") continuano a essere mantenuti attraverso i soldi degli italiani e i nostri quartieri vengono lasciati in balia della criminalità immigrata che, in tandem con le organizzazioni malavitose, rendono invivibili le nostre città. Nonostante – continua Di Cosimo – le promesse del Ministro Minniti,abbiamo la certezza che non verrà usato il pugno duro per ristabilire l'ordine".


"Il blitz di questa notte ha preso di mira principalmente le piazze frequentate dai nostri militanti, mandando quindi un chiaro segnale alle istituzioni: dove c'è la presenza dei nazionalisti non c'è spazio per il degrado, non esiste lo spaccio di stupefacenti e l'insediamento di ulteriori clandestini (i quali iniziano spesso attività illegali con il supporto della criminalità organizzata) non è ben accetto. Per questo il nostro movimento – conclude l'esponente del movimento giovanile – sarà sempre in prima linea nella lotta all'immigrazione di massa, anche attraverso delle azioni politiche forti per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle conseguenze negative di un'ulteriore apertura dei nostri confini. Finché ci sarà un solo militante di LS la battaglia per la difesa delle tradizioni e del futuro del nostro Popolo sarà al centro dell'agenda politica del nostro Movimento."

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, blitz razzista al Liceo Lioy: "Resistenza etnica"

VicenzaToday è in caricamento