menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Variati, “Tangenziale nord est: un risultato storico" e sul parco "sciocchezze dal Pdl"

Dopo la riunione del Cipe, che ha determinato le compensazioni per la città, il sindaco si dichiara soddisfatto, anche dell'accordo di Schneck

Le due delibere del Cipe su tangenziale nord est e finanziamento del parco a est del Dal Molin sono un risultato importantissimo,  "anzi storico. Frutto di un intenso lavoro di squadra che abbiamo portato avanti con il commissario straordinario Paolo Costa e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Gianni Letta. L’abbiamo detto da subito. Bene che anche gli altri si siano chiariti i dubbi che avevano, perché ora bisogna procedere con i progetti”. Questo il commento del sindaco alla notizia che, dopo i dubbi dei giorni scorsi, la società Brescia Padova e il suo presidente Attilio Schneck si sono dichiarati soddisfatti dell’approvazione della delibera del Cipe che sblocca la convenzione dell’autostrada, incaricando la Serenissima della progettazione realizzazione dell’opera.


“Come ho detto da subito – ha ribadito oggi il sindaco - il risultato ottenuto è decisivo. La tangenziale nord est non è più una richiesta che attende risposte. Ora è lo Stato che dice che si deve fare e decide anche che a farla sia il concessionario di questo tratto di autostrada, che oggi è la società Brescia Padova, e domani ci auguriamo e contiamo che lo sia ancora. Quindi, a questo punto, basta chiacchiere: non appena verrà pubblicata la delibera si potrà procedere innanzitutto con il progetto preliminare della tangenziale, sulla scia di ciò che fin dall’aprile del 2010 avevano deciso i sindaci dei territori coinvolti”.

Piena soddisfazione e volontà di proseguire spediti ha ribadito il sindaco anche per quanto riguarda il parco da realizzare nell’area a est del Dal Molin: “Fondamentale – ha proseguito – è anche la delibera del Cipe che destina al parco a est del Dal Molin gli 11 milioni e mezzo previsti per la rototraslazione della pista aeroportuale. Erano fondi a rischio, perché non essendo ancora stati utilizzati potevano essere azzerati in virtù di un preciso orientamento del ministro Tremonti. Li abbiamo salvati e di questo dovremmo essere tutti orgogliosi. Nei prossimi giorni delineeremo gli aspetti principali del progetto a cui stiamo pensando. E’ una soluzione lungimirante, come conferma la stessa partecipazione del paesaggista di fama internazionale Andreas Kipar. E’ un progetto che parlerà da solo, mettendo all’angolo certe sciocchezze dette in malafede dal Pdl”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Comincia l'invasione delle formiche: i rimedi naturali

social

Tecnologie digitali, vicentina eletta portavoce in Europa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento