rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
Politica

Tribunale di Schio: pensiamo anche ad un "piano b"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VicenzaToday

Condividiamo in pieno lo sforzo che il sindaco Luigi Dalla Via anche stamattina sta mettendo in atto - unitamente ai sindaci di Thiene e Valdagno - per "salvare" il tribunale di Schio.
È altresì importante che si possa e si debba cominciare a pensare seriamente - non tanto come alternativo, ma complementare a quanto si sta facendo - ad un possibile piano B per garantire comunque ai cittadini del territorio dell'Alto vicentino di poter usufruire di un sistema giustizia moderno ed efficiente. - così Alberto Bressan capogruppo del PDL in Consiglio comunale a Schio.
In tal senso ritengo vada fatta innanzitutto una seria riflessione sulla figura del giudice di pace presente nei tre comuni di Schio, Thiene e Valdagno anch'essa sotto la lente del ministero che ne ha previsto un taglio significativo: ne "rimarrà in vita" a livello nazionale circa uno su otto.

In questo senso credo che i sindaci dell'Alto vicentino potrebbero immaginare la possibilità di accorpare in un unico ufficio - il pericolo è che anche queste figure finiscano per venire assorbite dal tribunale di Vicenza - i giudici di pace di Schio, Thiene e Valdagno cercando comunque di salvarne anche la presenza nel territorio dell'Alto vicentino e quindi più vicino alle comunità locali e ai cittadini.
Altro discorso riteniamo andrebbe fatto sulla possibilità che anche gli enti locali hanno di puntare sull'istituto della mediazione civile che sempre più sta prendendo piede a livello nazionale.
Una forma di giustizia più "leggera", con tempi e spese per i cittadini e le imprese infinitamente minori. In tal senso - e questo potrebbe costituire un buon punto di partenza - il Consiglio comunale di Schio ha già approvata un ordine del giorno del PDL in cui si considerava questo strumento - così come dice la legge che l'ha istituito - la vera novità e il futuro della giustizia civile in Italia.
In tal senso i sindaci dell'Alto vicentino ritengo possano oggi - visto quanto sta accadendo - pensare seriamente - conclude Alberto Bressan - di istituire un organismo di mediazione come una valida alternativa da offrire ai cittadini in tema di giustizia civile la cui lentezza - come è noto - oltre a creare frustrazione nei cittadini, costituisce un fattore di minore competitività per le nostre aziende. Scoraggiando - e la cosa non è oggi trascurabile - possibili investimenti e afflussi di capitali da fuori, convinti magari dall'efficienza produttiva del nostro sistema, ma terrorizzati da una giustizia civile completamente bloccata.

Schio, 22 giugno 2012

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tribunale di Schio: pensiamo anche ad un "piano b"

VicenzaToday è in caricamento