Politica

Regionali 2015, Donazzan sulla pasta, Padrin: "Roba da prima Repubblica"

Alessandro Padrin, candidato per Alessandra Moretti, critica la distribuzione di pasta che sarebbe avvenuta da parte degli attivisti veneti di Forza Italia a supporto della candidatura dell'assessore uscente al lavoro della giunta Zaia

Non sono piaciuti ad Alessandro Padrin, candidato alle Regionali con Alessandra Moretti, i pacchi di pasta con l'effige dell'assessore veneto Elena Donazzan, e ha bollato il curioso gadget elettorale come un "clichè della peggiore prima Repubblica". La distribuzione di pasta sarebbe avvenuta da parte degli attivisti veneti di Forza Italia a supporto della candidatura dell'assessore uscente al lavoro della giunta Zaia.

SPECIALE REGIONALI 2015


"Donazzan è la rappresentazione plastica di come una intera generazione di giovani politici che si autodefinivano 'prestati alla politica' - accusa, corredando la sua denuncia con una foto della pasta incriminata - sia degenerata nei clichè della peggiore prima Repubblica". Padrin rincara poi la dose: "Quindici anni di consiglio regionale non le bastano e invece di dire basta regala pasta - aggiunge - .C'è un che di offensivo nei confronti di chi ha subito i colpi di questa durissima crisi, a differenza dell'assessore Donazzan, lautamente retribuita per quasi due milioni di euro di lire nel corso delle tre legislature". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali 2015, Donazzan sulla pasta, Padrin: "Roba da prima Repubblica"

VicenzaToday è in caricamento