Politica

Case chiuse, scontro Rotondi-Variati: "Ideologia davanti alla sicurezza"

L'assessore di Vicenza si sfoga su Facebook per il flop della raccolta firme per la riapertura delle case chiuse, con il sindaco contrario all'iniziativa. "I cittadini sono d'accordo con i politici: il problema della prostituzione di strada non esiste"

In queste notti, sono state staccate le prime multe alle prostitute, 12, ad ai clienti, 2, in base al nuovo regolamento di polizia urbana, ma per l'assessore alla sicurezza, Dario Rotondi, non è con i verbali che si può combattere il fenomeno del meretricio sulle strade. Ancora una volta l'ex questore affida alla sua pagina Facebook il "j'accuse" verso la politica, locale e nazionale, e coinvolge anche i cittadini stessi, colpevoli di "indifferenza". 

Leggi anche ROTONDI SU FB: "LE PROSTITUTE NON SI SPOSTANO NEANCHE A CANNONATE"

"La raccolta di firme per la modifica della legge Merlin non ha avuto successo e quindi il referendum contro la prostituzione di strada non si farà -scrive Rotondi, che si fece anche fotografare al momento della firma nel banchetto allestito da Cicero a Vicenza -  Esiste la possibilità che cinque consigli regionali ne facciano richiesta, ma questa ipotesi non si è mai realizzata finora e non si vede come possa verificarsi adesso".

Poi la stoccata a Variati, che si è dichiarato contrario al referendum, rinviando il problema a Roma: "Capisco che la parte politica che lo aveva promosso poteva risultare indigesta ma, nel mare di indifferenza generalizzata, era al' unica possibilità concreta per indurre il Parlamento a legiferare - prosegue l'assessore - Adesso chi ha dato la precedenza all' ideologia spero voglia far vedere di cosa è capace".

"La cosa peggiore è però l' indifferenza dei cittadini, probabilmente anche di quelli che il problema lo vivono sulla loro pelle, molte persone si lamentano ma poi non vanno nemmeno a mettere una firma per i loro figli o per i loro affari - conclude con ironia -  E adesso? Il Parlamento era già restio a intervenire, figurarsi ora che la raccolta di firme non ha avuto successo. Ma non abbattiamoci, finalmente i cittadini sono d' accordo con i politici: il problema della prostituzione di strada non esiste!"
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case chiuse, scontro Rotondi-Variati: "Ideologia davanti alla sicurezza"

VicenzaToday è in caricamento