Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica

Festa della Lega, bagno di folla per Salvini: "Su Vicenza il patto rimane ma devono fare in fretta"

Il leader del Carroccio è arrivato a Lonigo con lo stato maggiore della Lega locale. Coreografia da parata, con tanto di spari a salve all'entrata di Zaia, e particolare attenzione per le elezioni vicentine

Il popolo della Lega ha accolto ieri il leader Matteo Salvini e il presidente del consiglio regionale di Veneto Luca Zaia e il loro al palaeventi di Lonigo in occasione della giornata di chiusura della festa provinciale del Carroccio. Un tendone strapieno di persone - circa 3000 -  e una coreografia che comprendeva uomini vestiti da parata che hanno saluta l'arrivo di Zaia con tre colpi di moschetto sparati in successione. 

Un sentimento leghista molto radicato quello  che si è visto all'interno del Palaeventi. Dopo il bagno di folla che ha accompagnato l'entrata del leader, arrivato verso le 21, il pubblico scandiva ogni frase di Salvini con un'ovazione su tutti i temi cari al popolo del Carroccio: autonomia, immigrazione, sicurezza, cancellazione della Legge Fornero. Sul palco anche tutto lo Stato Maggiore della Lega. Tra loro, il segretario Toni Da Re, il presidente del consiglio regionale Roberto Ciambetti, l'eurodeputata Mara Bizzotto e i neo eletti parlamentari Erik Pretto, Erika Stefani, Silvia Covolo e Germano Racchella. Guest star, apparsa accanto a Salvini, Graziano Stacchio. "Avrebbe preferito essere considerato un onesto lavoratore, perché ai delinquenti ci pensano le forze dell'ordine". Con queste parole  il benzinaio di Nanto è stato accolto da Matteo Salvini che a fine serata ha salutato anche un altro "ospite".

Intervista a Salvini:  "Se serve tireremo fuori i  muscoli" (VIDEO)

Vale a dire Fabio Mantovani, candidato sindaco di Forza Italia e Lega per le amministrative vicentine improvvisamente messo in attesa. La confusione nella coalizione per il nome da proporre a Vicenza è ancora alta. Mantovani sembra abbia buone possibilità di scampare alla defenestrazione, ma i dialoghi con l'altro raggruppamento di centro-destra appoggiato da Fratelli d'Italia e che vede Francesco Rucco come candidato sindaco non è ancora finito. Quello che è certo, secondo Salvini, è che Lega rispetterà il fatto di una candidatura forzista a Vicenza : "Se dovessimo guardare i numeri dovremmo mettere uomini e donne della Lega da ogni parte: il patto rimane ma che tutti facciano in fretta come fa la Lega di solito, spero si scelga il meglio".

Allegati

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Lega, bagno di folla per Salvini: "Su Vicenza il patto rimane ma devono fare in fretta"

VicenzaToday è in caricamento