Limiti nazionali ai Pfas? «Basta annunci»

È la critica che l'assessore veneto all'Ecologia indirizza al ministro dell'ambiente Sergio Costa

Una manifestazione «No Pfas» del 2018 (foto Marco Milioni)

«Se fosse un gran premio il ministro all'ambiente Sergio Costa sarebbe già stato doppiato. È sempre fermo a quanto detto mesi fa. Siamo stanchi di annunci. È ora di fissare limiti nazionali sui Pfas». Così recita una nota diramata oggi 12 settembre dall'assessore all'ecologia della Regione Veneto Gianpaolo Bottacin il quale ha così commentato le dichiarazioni dello stesso Costa a margine dell'audizione davanti alla Commissione ecomafie: al centro della contesa c'è la contaminazione da derivati del fluoro, i Pfas appunto, la quale ha colpito mezzo Veneto e che le autorità addebitano ad una fabbrica di Trissino nel Vicentino, la Miteni.

Il ministro, si legge sempre nel dispaccio, ha annunciato l'istituzione di una cabina di regia nazionale per definire un quadro dell'entità dell'estensione della contaminazione da Pfas e la creazione di un gruppo tecnico ai quali affidare il compito di fissare i valori limiti allo scarico. Il ministro ha affermato anche che, attraverso l'avvocatura dello Stato, provvederà a costituirsi parte civile nel processo penale nei confronti dei vertici delle società, al fine di ottenere un risarcimento del danno ambientale provocato nell'area soggetta alla contaminazione da Pfas dell'ex-Miteni di Trissino.

Tuttavia non mancano le punture di spillo di Bottacin all'indirizzo dell'attuale governo. «Ricordo che nel procedimento penale in corso la Regione del Veneto, ritenendosi parte lesa, si è costituita parte civile ancora prima che la Procura chiedesse il rinvio a giudizio - prosegue Bottacin - ben venga, dunque, la decisione del ministro, ma se nel frattempo si decidesse a porre i limiti nazionali, forse avremmo più possibilità di ottenere un esito favorevole nel processo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi un'altra considerazione: «Nonostante proclami e promesse ad oggi, dopo quindici mesi di richieste formali e solleciti, non c'è nulla. È dalla primavera che sentiamo parlare di cabina di regia e commissione tecnica, delle quali il Veneto fa parte. Le convochi e fissi questi limiti». E ancora: «Gli alibi sono ampiamente finiti... per affrontare seriamente il problema Pfas servono i limiti nazionali. Ed il ministro ha tutti gli strumenti per farlo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto finisce capovolta nel torrente: muore conducente, ferita la passeggera

  • Rientrano dalle ferie in Crozia: cinque ragazzi positivi al Coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi: effetto focolaio di Casier

  • Tragedia in strada Lobia, il mondo del calcio piange il suo portierone: "Ciao Pilo"

  • Baraonda dei rapper in albergo: intervento della polizia, denunce ed “espulsione”

  • Coronavirus, tre nuovi casi a Vicenza: aumentano gli isolati su tutta la regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento