Politica Schio

«Lega in Veneto: più asfalto, cemento e veleni, meno sanità»

Blitz del centro sociale Arcadia in alcuni luoghi emblematici del "malgoverno leghista"

In questi giorni di bagarre pre-elettorale l'ospedale di Santorso entra a gamba tesa nel dibattito dei politici politicanti. Il sistema sanitario veneto, quello che fino a qualche tempo fa veniva sbandierato come un fiore all'occhiello, un'inusuale eccellenza nel panorama italiano garantito dalle ventennali politiche targate prima Galan e poi Zaia, sta iniziando a mostrare delle vere e proprie voragini.

La progressiva e scientifica trasformazione del servizio sanitario, da servizio pubblico a tutela della salute dei cittadini ad impresa privata, sta rivelando quello che molte voci prevedevano già tempo fa. La salute del/della cittadino/cittadina non è più l'interesse primario: è anzi un costo e in ogni azienda che punta al profitto i costi vanno tagliati.

Vien da sè che nel "ricco" Alto Vicentino ci si ritrova un servizio sanitario sempre più scadente a causa della mancanza di personale assunto e liste d'attesa infinite per le visite specialistiche. La carenza e l'inefficienza del nostro ospedale non si risolve aggregandosi a Bassano piuttosto che a Vicenza, quelle sono beghe da salotti buoni che verranno meno appena ci saranno le elezioni e sarà terminata la campagna elettorale.

Il problema è strutturale ed è proprio frutto del ventennio Galan-Zaia, del project financing (un regalo agli investori privati) e di un'idea di "sviluppo" che sta devastando la regione ed il pianeta. Con questa idea di sviluppo i soldi pubblici vengono investiti in grandi opere inutili e distruttive (pedemontana, A31 Nord e Sud, Mose, ecc.), che si sono rivelate un enorme regalo per pochi amici privati e hanno devastato e inquinato il nostro territorio.

È un sistema questo che non prevede nessun controllo sulle fabbriche di morte come nel caso della Miteni di Trissino, dove già dal 2013 la provincia di Vicenza era a conoscenza dell'inquinamento da pfas ma non ha mosso un dito, e che fa riempire cave e discariche con rifiuti tossici, proprio nei luoghi meno adatti a causa del pericolo di inquinamento delle falde (vedi Melagon). È ormai sotto gli occhi di tutti che lo stesso sistema che ha trasformato il nostro territorio in una TERRA DEI FUOCHI sta distruggendo il sistema sanitario che dovrebbe curarci.

A pagarne le conseguenze siamo noi tutti, le generazioni future e l'ecosistema del pianeta. È ora di dire basta a questo sistema. Tutto ciò non è più sopportabile.

Questa la nota diffusa dal Centro Sociale Arcadia di Schio, dopo il blitz compiuto in alcuni luoghi simbolo del "malgoverno leghista".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Lega in Veneto: più asfalto, cemento e veleni, meno sanità»

VicenzaToday è in caricamento