15 Novembre - Obbligo di pneumatici invernali o catene: quando, dove, l'importo delle multe

Come ogni anno in questo periodo è obbligatorio il montaggio di pneumatici invernali oppure si deve avere le catene, per guidare in sicurezza nel caso di neve e ghiaccio sulle strade, urbane, extraurbane e in autostrada. Sanzioni pesanti per chi non rispetta la legge

Torna l'obbligo per tutti i veicoli a motore di circolare obbligatoriamente con pneumatici invernali montati o con a bordo le catene. Si applica dal 15 novembre 2020 al 15 aprile 2021. Chi non provvede a dotarsi degli pneumatici invernali o, in alternativa, delle catene da neve, rischia una multa piuttosto salata, fino a circa 400 euro, e la decurtazione di 3 punti dalla patente di guida.

Sono esclusi dall’obbligo coloro che sono dotati di pneumatici all season, collaudati per tutte le stagioni. 

1. Ogni quanto cambiare le gomme

La durata delle gomme auto è influenzata per lo più da due fattori: le condizioni di utilizzo e l’immagazzinamento prima dell’acquisto. Le condizioni di utilizzo comprendono le modalità di carico dell’auto, il mantenimento della corretta pressione delle ruote, la velocità media cui si viaggia, il tipo di strade percorse, la frequenza di urti subiti e l’esposizione ambientale. Non si può stabilire a priori ogni quanto cambiare le gomme. Il consiglio è quello di effettuare un controllo una volta all’anno, superati i cinque anni di possesso. Di certo il limite d’usura è previsto ai 10 anni di utilizzo. In linea di massima, chi utilizza molto l’auto, dovrebbe sostituire gli pneumatici una volta compiuto un tragitto compreso tra 20.000 e 40.000 km.

2. Durata pneumatici 

La durata media degli pneumatici invernali e di quelli estivi è compresa tra i 5 e i 10 anni. In ogni caso, gli pneumatici invernali vanno sostituiti quando lo spessore del battistrada è inferiore a 1,6 mm o quando lo pneumatico presenta fori, tagli, deformazioni o ancora zone particolarmente usurate. Gli pneumatici 4 stagioni - scelti da conducenti che non intendono cambiare gli pneumatici a seconda della stagione - hanno una durata inferiore di circa il 10-15% rispetto a quelli stagionali, usurandosi più velocemente nel periodo estivo. 

3. Usura pneumatici: ecco cosa controllare

La prima cosa da fare è osservare il battistrada, ovvero la zona del pneumatico a diretto contatto con l’asfalto. La norma europea ha stabilito che il cambio gomme auto deve avvenire quando la scolpitura del battistrada ha raggiunto una profondità di 1,6 mm. Per controllare l’usura si utilizza solitamente un tassello in gomma, profondo 1,6 mm, posto sul battistrada: quando quest’ultimo raggiunge il livello dell’indicatore significa che il pneumatico deve essere sostituito. L’indicatore di usura è facilmente individuabile osservando il fianco del battistrada: esso può essere reperito in linea con il codice TWI, un triangolo o il logo del marchio. Alcuni produttori hanno previsto sugli pneumatici anche indicatori intermedi, raggiunti i quali le gomme non garantiscono più le prestazioni ottimali. Per controllare l’usura del pneumatico si può usare anche il calibro di profondità, uno strumento efficace e reperibile in tutti gli autoricambi, che misura con esattezza la profondità delle scanalature del battistrada in più punti.

4.Focus pneumatici invernali

In Italia le gomme invernali sono obbligatorie dal 15 novembre al 15 aprile di ogni anno. Si ha poi tempo un mese per cambiare gli pneumatici invernali con quelli estivi, cioè fino al 15 maggio. Le regioni nelle quali il clima si caratterizza per una maggiore rigidità e le zone di montagna, possono usufruire di deroghe speciali, che permettono di anticipare il periodo di entrata in vigore. Giunti al 15 di aprile, non esistono regole che impongono di sostituire gli pneumatici invernali con un set di gomme estive. Ciò se i primi presentano un indice di velocità almeno uguale a quello segnalato sulla carta di circolazione del veicolo. Nel caso di indice di velocità inferiore, dal giorno successivo alla scadenza il guidatore è tenuto alla sostituzione entro un mese per procedere. 

5. Come riconoscere le gomme invernali?

I pneumatici da neve devono riportare sul fianco il simbolo gomme invernali “M+S” (abbreviazione di “Mud & Snow”); in alternativa potranno comparire le scritte MS, M/S, M-S o M&S. La presenza delle diciture “da neve”, “all season”, “all weather” o “termiche”, “invernali” non ha invece validità, potendo far scattare sanzioni in caso di controllo.

6. Quali sanzioni sono previste in caso di violazione dell’obbligo di gomme invernali?

Chi, nel periodo e nelle zone in cui è obbligatorio l’utilizzo di gomme da neve, dovesse circolare senza, è punibile con una sanzione pecuniaria, di ammontare diverso a seconda del tipo di strada percorsa. Le sanzioni scattano 30 giorni dopo l’entrata in vigore dell’obbligo.  Oltre a multe di ammontare maggiore può scattare anche il ritiro del libretto.

7. Le migliori gomme invernali per auto: guida all’acquisto

Quando ci si appresta a fornire consigli sulle gomme invernali si deve avere presente innanzitutto la differenza tra gomme da neve e gomme termiche. Le prime non sono ormai più disponibili in commercio perché sono state sostituite dalle seconde, decisamente più performanti su fondi scivolosi. Le gomme termiche presentano un battistrada dotato di una mescola specifica che, unita a delle piccole lamelle, si riscalda più velocemente con garantendo così una migliore aderenza in presenza di asfalto freddo.

8. Come scegliere le gomme invernali

Per capire come scegliere le gomme termiche si deve sempre fare riferimento ai simboli impressi sulla spalla dello pneumatico. La scritta “M+S”, infatti, indica la caratteristica “mud and snow” (cioè fango e neve) ed è propria delle gomme invernali. Su queste, inoltre, può essere anche presente il simbolo di un fiocco di neve, ma la differenza è relativa esclusivamente al rispetto dell’omologazione americana. Praticamente tutti i costruttori hanno nei propri cataloghi gomme termiche e spesso si può entrare in confusione per capire quali siano le migliori gomme invernali per auto. Per non sbagliare la scelta si deve sempre tenere a mente l’utilizzo che si fa della propria vettura.

Se, infatti, l’auto viene usata prevalentemente per lunghi viaggi allora ci si dovrà orientare su pneumatici Touring pensati proprio per massimizzare il comfort di guida, mentre se quando ci si siede al volante non si può rinunciare al brivido delle prestazioni allora sarà fondamentale orientarsi verso pneumatici performance.

 L'ELENCO COMPLETO DELLE STRADE DEL VICENTINO CON OBBLIGO DI GOMME DA NEVE O CATENE

STRADE. Le strade provinciali interessate sono le intere tratte di Casteneda, Valdichiampo (diramazione per Crespadoro), San Giovanni (Chiampo), Selva, Brogliano, Campanella, Passo Zovo, Variante del Pasubio, Monte di Malo, Fiorentini, Lusianese, Valgadena, Piovan, Montanina,Valposina, Laghi, Bolca, San Pietro, S.Pietro diramazione per Casotto, Pedemonte, Farneda, Francolini, Vitarolo, Santa Caterina, Campogrosso, Recoaro Mille, Calvarina, Grancona, Gallio, e tutta una serie di tratti, ricavabili dalla tabella allegata. Oltre alle Strade Provinciali, Veneto Strade Spa informa che rientrano nel provvedimento anche la SR 50bis “delle Scale di Primolano” dal confine della Provincia di Belluno e la SP148 “Cadorna” dall'innesto della SP149 “del Monte Grappa” fino al confine con la provincia di Belluno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Veneto in "zona rossa" per incidenza: salva la provincia di Vicenza

  • Parrucchieri ed estetiste fuori Comune: Dpcm permette gli spostamenti

  • Frittelle veneziane: scopri la storia e la ricetta originale

  • Coronavirus, il Veneto resta zona arancione

  • Spv, «il decollo mancato» di una ruspa e il sarcasmo del web

  • Caccia fuori dal proprio Comune, Lav: «È espressamente vietata del Dpcm»

Torna su
VicenzaToday è in caricamento