Maltempo in Veneto, precipitazioni senza sosta: bacini a rischio

La fase più intensa è prevista tra martedì sera e la mattina di mercoledì, mentre mercoledì pomeriggio è possibile un diradamento delle precipitazioni

Prosegue l’ondata di piogge e di maltempo che ha colpito il Veneto. Martedì e mercoldì sono previste ancora precipitazioni diffuse e frequenti, con quantitativi anche abbondanti; saranno inoltre possibili rovesci, localmente anche temporaleschi specie in pianura.

La fase più intensa è prevista tra martedì serata e la mattina di mercoledì, mentre mercoledì pomeriggio è possibile un diradamento delle precipitazioni. Il limite della neve è previsto intorno a 1500-1600 metri sulle Dolomiti e a 1700-1800 sulle Prealpi, in abbassamento da questa sera a partire dalle Dolomiti fino a 800/1200. Le previsioni Arpav indicano, inoltre, un rinforzo dei venti dai quadranti orientali nel pomeriggio/sera di martedì: saranno anche forti sui rilievi, in particolare quelli prealpini, tesi e a tratti forti sulla costa e zone.

In considerazione della situazione metereologica prevista, il Centro funzionale decentrato della Protezione civile del Veneto ha diramato lo stato di attenzione (‘allerta gialla’) per criticità idrogeologica sino alla mezzanotte di mercoledì 13 novembre: sono interessate, in particolare, le aree dell’Alto Piave e del Piave Pedemontano e il bacino idrografico del Po,Fissero-Tartaro-CanalBianco e Basso Adige, al quale afferiscono le acque dei maggiori fiumi veneti. Il possibile verificarsi di rovesci o temporali localmente anche intensi, potrebbe creare disagi al sistema fognario e lungo la rete idrografica minore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si segnala, infine,  la possibilità d'innesco di fenomeni franosi superficiali sui versanti e la possibilità di innesco di colate rapide specie nel bacino idrografico dell’Alto Piave e del Piave Pedemontano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto finisce capovolta nel torrente: muore conducente, ferita la passeggera

  • Rientrano dalle ferie in Crozia: cinque ragazzi positivi al Coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi: effetto focolaio di Casier

  • Tragedia in strada Lobia, il mondo del calcio piange il suo portierone: "Ciao Pilo"

  • Baraonda dei rapper in albergo: intervento della polizia, denunce ed “espulsione”

  • Poliziotto blocca un ragazzo, scoppia il caos in piazza Castello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento