rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
life Maddalene / Strada del Pasubio

Rifiuti: il porta a porta presto alle Maddalene, a Polegge e a Saviabona

Ad annunciarlo è l'assessore Dalla Pozza. L'estensione avverrà in due stralci, a fine giugno e a fine luglio, toccando 2.200 nuove famiglie. Boom della differenziata: da gennaio è salita dal 53% al 55%.

La raccolta differenziata porta a porta si estende: dopo Ca' Balbi e Settecà, Cattane e il Biron, Ospedaletto e Anconetta, la rivoluzione del porta a porta tocca altre 2.200 famiglie. Lunedì 27 giugno spariranno i cassonetti per il rifiuto secco non riciclabile - che sarà raccolto porta a porta dagli operatori di Aim Valore Ambiente - anche in zona Pasubio e Maddalene, e a fine luglio anche in Strada Sant'Antonino, a Polegge e Saviabona.

Entro il 2011, ha annunciato l'assessore all'ambiente Antonio Dalla Pozza, saranno 12 mila le famiglie coinvolte dal nuovo sistema di raccolta, che alla fine dell'anno comprenderà tutto l'anello esterno della città, anche per evitare conferimenti illegali di rifiuti dai comuni confinanti.
“A nord resterà scoperta per ora solo la zona di Laghetto e Marosticana – evidenzia Dalla Pozza - su cui interverremo ad inizio autunno, mentre contiamo di chiudere con la zona sud entro l’anno. A fine 2011 vorremmo inoltre far partire in centro storico il porta a porta per la plastica, dove è già attivo quello per il secco e la carta. Nel 2012 invece ragioneremo sull’anello intermedio, quello compreso tra la zona dove il nuovo sistema sarà già stato attivato e la zona monumentale della città: valuteremo se replicare la sperimentazione del cassonetto elettronico in corso al Villaggio del Sole o se sarà opportuno introdurre modifiche”.

Spariranno i cassonetti e saranno distribuiti a ciascun nucleo familiare un bidoncino grigio scuro dotato di microchip di riconoscimento. Il bidoncino sarà gratuito e verrà consegnato a domicilio dal personale Aim.
Vicenza è sempre più riciclona: nei primi mesi di quest’anno l’indice della differenziata è salito dal 53 al 55%. L’obiettivo è arrivare al 65%, avvicinandosi al 60% entro fine 2011.

Prosegue intanto la linea dura del Comune verso chi lascia abusivamente i rifiuti per strada: “Invito pertanto chi porta a Vicenza i rifiuti da fuori – ha ammonito l’assessore -, chi li abbandona a terra e chi non li differenzia correttamente a cambiare presto le proprie abitudini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti: il porta a porta presto alle Maddalene, a Polegge e a Saviabona

VicenzaToday è in caricamento