Villaga, apre il primo presepio per non credenti: attesi migliaia di visitatori

Il 29-30 dicembre la settima edizione del Presepio Vivente nelle grotte Beriche con 250 figuranti. Mesi di lavoro per un'allestimento mastodontico

Si tratterebbe quindi del primo presepio per non credenti mai pensato? “ Non è una novità a fini pubblicitari. Basta l’ambiente naturale per sancire il successo che porta a Villaga migliaia di visitatori per ammirare le dieci scene evangeliche ambientate in grotta. Ogni edizione sempre diversa, con il tema del 2017  “L’arte del nascere, la nascita dell'arte” - risponde Gregolin - Una sorta di genesi della Natività: dalle origini, alle successive raffigurazioni, attraverso l’estro di geni come Giotto, Caravaggio e Segantini. Tre storici quadri ricreati perfettamente con personaggi in carne e ossa. Prima un laboratorio di scalpellini incastonato in una grotta per spiegare quale sia stata la prima immagine scolpita di un presepio. Ma anche danzatori, musicisti e artisti che attualizzeranno il messaggio della “natività delle origini”.

Al danzatore e costumista Thierry Parmentier, è infatti affidata l’ultima scena che vedrà sei danzatori impegnati sotto una volta di pietra. Nella scena di apertura, in un’atmosfera futurista, con gli attori anche il percussionista Angelo Gallocchio con il suo “hang” di ultima generazione. Altra significativa novità sono le musiche originali composte per le varie scene dal maestro vicentino Diego Girardello, che attinge a piene mani tra arie strumentali e corali, eseguite dal suo coro “ Voces Clarae” di Creazzo. “E’ stata una ‘emozione che spero di aver trasmesso nelle mie colonne sonore, musicare le scene di questo singolare presepio vivente” ha commentato il maestro vicentino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Trattandosi di un’edizione tutta sull’arte del nascere e la nascita dell’arte, abbiamo  voluto maestranze locali che  vivono d’arte e producono bellezza, segno della vitalità di questo presepio radicato nel territorio” conclude il regista. Ecco allora che l’aspro paesaggio delle grotte preistoriche di Villaga, abitate dall’uomo preistorico come dagli anacoreti cristiani fino al 1800, in tempi moderni si trasformeranno per due giorni in una “diretta” con la storia, grazie all’impegno volontario di oltre 200 figuranti, un centinaio tra artigiani, elettricisti, costumisti, scenografi e addetti alla sicurezza. Una ciclopica macchina teatrale che fa dell’arte del presepio uno strumento di cultura e spiritualità, pronta ad accogliere le migliaia di visitatori desiderosi di scoprire il luogo, le scene e il messaggio proposto dal presepio vissuto in grotta.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Perde il controllo della moto e si schianta: muore 42enne

  • Muore in circostanze misteriose, la procura dispone l'autopsia

  • Coronavirus, stretta sui tamponi e isolamento post viaggi extra Ue: la nuova ordinanza

  • Coronavirus, altri nuovi casi: positive due sorelline di 3 e 6 anni

  • Dramma nel Trevigiano, giovane poco più che ventenne muore sotto gli occhi della fidanzata

Torna su
VicenzaToday è in caricamento