Mi alegría mi persona: spettacolo di flamenco e poesia

Donna chiama donna presenta Mi alegria, mi persona: spettacolo di flamenco e poesia.
Lo spettacolo, tratto da "El romance de la pena negra" di Federico García Lorca, racconta la rinascita di una donna emarginata in un dialogo tra poesia e flamenco. "Mi Alegría, Mi Persona" parte da qui, dalla pena nera, da un dolore profondamente umano. Ma Soledad Montoya, la protagonista di questa storia, si riappropierá della sua "allegria" e della sua "persona" indicandoci l'unico cammino necessario per farlo, o almeno, il primo grande passo: esprimere il dolore, condividerlo, gettarlo fuori di sé.

Ballo: Matilde Melanotte
Chitarra: Emiliano Nanni
Alberto Rodríguez
Voci: Icia Casado
Gabriela Rodríguez Cometta
Maria Novella Perina
Palmas: María José León Soto


BIGLIETTI
Biglietti non numerati disponibili in prevendita EventBrite presso questo evento o in teatro la sera dell'evento.
INTERO = 15 euro
RIDOTTO under 26 = 10 euro

ATTENZIONE: la prenotazione con eventbrite è gratuita. Il pagamento verrà effettuato la sera dell'evento. Si prega di presentarsi in biglietteria entro le 20.15. Da quel momento i biglietti non riscossi verranno resi disponibili per altri spettatori.



L'evento è organizzato da Donna chiama Donna, col patrocinio del Comune di Vicenza.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Ogni giorno tutti i mercati in città e in provincia di Vicenza

    • Gratis
    • dal 20 settembre 2019 al 20 settembre 2021
    • piazze
  • Un tetto di ombrelli tricolore in corso Fogazzaro e tanti eventi ogni fine settimana in Centro a Vicenza

    • Gratis
    • dal 12 luglio al 24 dicembre 2020
    • Centro storico
  • Villa la Rotonda: visita guidata

    • dal 13 al 29 novembre 2020
    • Villa La Rotonda
  • Festival del Mistero: solo on line

    • dal 24 ottobre al 28 novembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento