Marta Cuscunà: E' bello vivere liberi - Festival Parole a Confine 2020

  • Dove
    Auditorium Chiuppano
    Indirizzo non disponibile
    Chiuppano
  • Quando
    Dal 10/10/2020 al 10/10/2020
    ore 18
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

“È bello vivere liberi!” è una frase scritta, poche settimane prima della morte, da Ondina Peteani, alla cui biografia questo spettacolo è ispirato.
Marta Cuscuná, con l’aiuto di un pupazzo e di cinque burattini, porta sul palco la vita di questa giovane donna attiva nella resistenza antifascista nel 1941, staffetta partigiana, partecipante alla formazione della Brigata Proletaria e poi, appena diciannovenne, coinvolta nell’incubo della deportazione nazista.
Umiliata, torturata, privata della sua identità ma mai vinta nella volontà di lottare per i suoi ideali, perché “è bello vivere liberi!”
“Premio Scenario” per Ustica 2009, questo spettacolo felicemente atipico vuole restituire la forza di una resistenza vissuta al di fuori del nozionismo e di ogni celebrazione, affermando la necessità dell’allegria e della felicità contro l’orrore che avanza.

SABATO 10/10/2020 ALLE ORE 18:00
Marta Cuscunà - E' bello vivere liberi - Festival Parole a Confine 2020
Auditorium Chiuppano (VI)
www.paroleaconfine.it/info-biglietti
Biglietti: intero € 15,00 ridotto € 8,00
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Ogni giorno tutti i mercati in città e in provincia di Vicenza

    • Gratis
    • dal 20 settembre 2019 al 20 settembre 2021
    • piazze
  • "I nuovi abbracci": incontro on line con Carlo Presotto della Piccionaia

    • Gratis
    • 20 gennaio 2021
    • on line
  • Collezione Flora - Carlo Dal Bianco per Matteo Pala

    • dal 4 dicembre 2020 al 27 febbraio 2021
    • L'IDEA di Amatori Maria Luisa
  • Corso Yoga - Benessere Mente&Corpo

    • dal 17 dicembre 2020 al 20 maggio 2021
    • Centro "QUI e ORA"
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento