La lampada della pace: grande manifestazione a Vicenza

Sabato 27 ottobre 2018 si conclude il viaggio della Lampada nel centenario della Grande Guerra. La mattina e la sera due importanti eventi per Vicenza

Nell’ambito delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra, il Comitato Lampada della Pace, in collaborazione con la Prefettura, la Provincia e il Comune di Vicenza, e con il patrocinio del Parlamento Europeo, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Veneto e di oltre cento Comuni della Provincia di Vicenza, ha organizzato per sabato 27 ottobre 2018, a Vicenza, il pellegrinaggio conclusivo della “Lampada della Pace”, un segno tangibile della memoria della guerra, e una luce per un futuro di pace.

TUTTO IL PROGRAMMA

L’appuntamento è in Piazza dei Signori alle ore 9.00, per l’alzabandiera e per la partenza di un corteo che accompagnerà la lampada verso il Piazzale della Vittoria, a Monte Berico: lì si svolgerà una cerimonia civile che vedrà la presenza delle massime cariche istituzionali e, alle ore 11, una celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo Beniamino Pizziol, con la partecipazione della Schola Cantorum S. Cecilia di Schio.

L’evento si prefigge di coinvolgere la popolazione del territorio vicentino, con particolare attenzione ai giovani studenti degli istituti scolastici della provincia, sulle tematiche legate al primo conflitto mondiale. L’iniziativa, proposta quale simbolo di pace e di unione, si caratterizza per gli elevati contenuti, per la sua storia, per il complessivo percorso attraverso i luoghi sacri della Grande Guerra ed è stata condivisa anche dal Comitato Provinciale per le Celebrazioni del Centenario, presieduto dal Prefetto. 

Al termine della liturgia, la Lampada della Pace verrà collocata nella sua sede definitiva, nel Santuario di Monte Berico, e verrà svelato il bassorilievo commemorativo, lavoro dello scultore Vittorio Tessaro, che sarà posto a lato dell’altare maggiore. L’opera raffigura la Lampada della Pace, i quattro Ossari della provincia di Vicenza, i simboli dei 5 continenti e la colomba della pace.

La sera, alle ore 21, nel Santuario di Monte Berico si terrà un concerto con la prima esecuzione assoluta di “La Grande Guerra - REQUIEM In Memoriam”, composizione di Marco Taralli e Maurizio Dones commissionata dal Comitato Lampada della pace per l’occasione. 

Protagonisti di questo appuntamento saranno un coro di oltre 80 componenti, che include la Schola Poliphonica Santuario di Monte Berico e le voci bianche del Coro Giovanile di Schio, oltre a tre solisti (il soprano Naoka Ohbayashi, voce celeste, il tenore Matteo Mezzaro, il basso Alberto Spadarotto), all’Orchestra “Gli Archi Italiani” e al campanaro Livio Zambotto. La grandiosa composizione prevede infatti di valorizzare le ricchezze del Santuario, includendo il grand’organo Mascioni, suonato da Denis Zanotto, e le 15 campane in dotazione. Dirigerà il M° Silvia Fabbian. Presenta la serata Liliana Boni. Anche questo appuntamento sarà ad ingresso libero.

LE MODIFICHE ALLA VIABILITÀ PER L'EVENTO

Si tratta di un evento che richiamerà la partecipazione di moltissime persone dall’intera Provincia, e oltre; per questo la viabilità ordinaria subirà delle modifiche, per permettere al corteo di sfilare dal centro città fino a Monte Berico. Grazie all’interessamento di SVT (Società Vicentina Trasporti) sarà disponibile un servizio di bus navetta gratuito, per chi lo desidera, con partenze ogni 10 minuti, dalle ore 8.15 alle ore 10.00, da Viale Roma, di fronte alla stazione ferroviaria, e diretto a Monte Berico. Anche per la discesa dei partecipanti è prevista una corsa di cortesia, sempre gratuita, di un autobus che lascerà Monte Berico a conclusione della manifestazione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, tre casi lievi in provincia

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

  • Coronavirus, tre contagi nel Vicentino: infettati in isolamento fiduciario

  • Coronavirus, allerta in provincia: scuole chiuse e manifestazioni annullate

Torna su
VicenzaToday è in caricamento