Falstaff: Franco Branciaroli e Massimo De Francovich a Lonigo

  • Dove
    Teatro Comunale di Lonigo
    Indirizzo non disponibile
    Lonigo
  • Quando
    Dal 21/01/2020 al 21/01/2020
    ore 21:00 
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Due mostri sacri del teatro italiano, Franco Branciaroli e Massimo De Francovich, debuttano sul palcoscenico del Teatro di Lonigo in una inedita coppia, tra dramma e comicità. Martedì 21 gennaio (alle 21) il Comunale prosegue la stagione di prosa con Falstaff e il suo Servo di Nicola Fano e Antonio Calenda. In scena anche Matteo Baronchelli, Valentina D’Andrea, Alessio Esposito e Valentina Violo. 

Uomo di disperata vitalità che cede sotto i colpi della vecchiaia, Falstaff (interpretato da Branciaroli) è uno dei personaggi più popolari di Shakespeare. Protagonista del copione de Le allegre comari di Windsor, giganteggia in realtà nelle due parti per altro raramente rappresentate di Enrico IV e con la sua assenza ingombrante segna fortemente Enrico V. È l’alter ego di ogni grande protagonista shakespeariano: il suo ossessivo ottimismo sconvolge il conflitto tra volontà e destino che permea tutto il canone. 
Lo spettacolo ripercorre gli ultimi giorni di vita di sir Falstaff, subito prima della sua tragica morte, raccontata mirabilmente in Enrico V. Ne evoca le avventure: un teatro nel teatro in cui il Servo (De Francovich) assume il ruolo di regista demiurgo e tale era lo stesso Shakespeare quando metteva in scena i suoi copioni con i Lord Chamberlain’s Men; Falstaff è invece eroe tragicomico, biglia impazzita nel gioco della vita. Il risultato sul palcoscenico è un catalogo delle beffe subite dal personaggio fino all’epilogo drammatico: la rottura con l’amico-allievo di sempre, Enrico; quindi l’abbandono in solitudine, lontano da quella guerra di Agincourt dove tutti gli altri conquisteranno gloria eterna.
In questa cavalcata nella propria vita, Falstaff avrà accanto i sodali che Shakespeare gli aveva assegnato: le comari di Windsor e l’Ostessa, poi i compagni di bevute Bardolph e Francis. Anzi, saranno proprio loro a issarlo su un grande cavallo dal quale egli cadrà definitivamente nella polvere, assecondando il piano terribile del Servo che, grazie a lui, cercherà di trasformarsi definitivamente in padrone. Insomma, sarà uno spettacolo comico e drammatico insieme: un viaggio nelle atmosfere shakespeariane rielaborate per un pubblico di oggi, in grado di cogliere l’eternità del duello tra caso e ragione.


Biglietti da 9 a 26 €. Possibilità di acquisto on line (su geticket.it) o tramite call center Geticket (tel. 848.002008); prenotazioni via email a biglietteria@teatrodilonigo.it. Acquisto alla biglietteria del Teatro, in piazza Matteotti 1, dal lunedì al venerdì ore 9.30-12.30 (tel. 0444.835010). Rivendite a Lonigo: Agenzia Viaggi Bettini, Edicola Cartoleria Rizzi, Filiale Unicredit. Info: www.teatrodilonigo.it

 
Piazza Matteotti, 1
36045 Lonigo (VI)
teatrodilonigo.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Ogni giorno tutti i mercati in città e in provincia di Vicenza

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 20 settembre 2019 al 20 settembre 2020
    • piazze
  • Suoni tra le Malghe 2020: tutti i concerti in programma

    • Gratis
    • dal 12 luglio al 18 ottobre 2020
    • Malghe dell'Altopiano di Asiago
  • Un tetto di ombrelli tricolore in corso Fogazzaro e tanti eventi ogni fine settimana in Centro a Vicenza

    • Gratis
    • dal 12 luglio al 24 dicembre 2020
    • Centro storico
  • Anguriara di Dueville: la musica del Palladium alla Sandia

    • Gratis
    • dal 18 al 19 settembre 2020
    • La Sandia
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    VicenzaToday è in caricamento