rotate-mobile
Cultura

Vicenza, l'istituto di storia diventa fondazione

La trasformazione approvata dall’assemblea straordinaria riunitasi sabato scorso a palazzo Giustiniani

“Questo è un passaggio storico perché ci consentirà di dare stabilità e continuità alle nostre attività che abbisognano di costanti fondi e di sostegno ai progetti di ricerca che, viceversa, rischiano di rimanere sogni nel cassetto. Gli scopi sociali sostanzialmente non cambiano, mutano gli strumenti, che sono stati adeguati alle necessità di oggi”. Così Paolo Scaroni ha salutato la trasformazione dell’Istituto di storia di Vicenza in “Fondazione di Storia Onlus”.

Il passaggio è avvenuto in continuità con l’Istituto per le ricerche di storia sociale e religiosa fondato a Vicenza nel 1975 da Gabriele De Rosa e Mariano Rumor, dai quali ha raccolto in seguito il testimone Giorgio Cracco, segretario generale dell’associazione e figura di riferimento per molti anni dell’Istituto. L’assemblea dei soci, riunitasi sabato scorso in seduta straordinaria nella sede di Palazzo Giustiniani, in contrà S. Francesco a Vicenza, ha così approvato all’unanimità il nuovo statuto della Fondazione, per la quale si è molto speso negli anni scorsi Tiziano Treu, nominato presidente onorario.

Confermati alla presidenza Paolo Scaroni e alla vice presidenza, Dario Semenzato (vice presidente di Fondazione Cariverona), al quale va ad aggiungersi, come previsto dallo statuto, un nuovo vice presidente, Luigi Menegatti, già consigliere di amministrazione nella passata gestione. Confermati nel nuovo consiglio di amministrazione anche gli imprenditori Lino Dainese e Luciano Giacomelli, Mons. Antonio Marangoni (designato dalla Provincia), l’arch. Eugenio Motterle, Tommaso Ruggeri (designato dal Comune) e Giorgio Sandini (in rappresentanza della Fondazione Bcc/Cra del Vicentino). Nuovi componenti: il notaio Giulia Clarizio (già componente il collegio sindacale) e gli imprenditori Ambrogio Dalla Rovere e Remo Pedon. Alla presidenza del Collegio dei revisori dei conti è stato confermato Giancarlo Bortoli. Fanno parte del Collegio, Pierpaolo Cagnin e Orazio Grilli (revisore effettivo del Ministero Beni Culturali). Supplenti: Francesco Cacciavillan e Miriam Palma.

I soci fondatori sono tutti gli ex soci dell’associazione, oltre a quanti hanno già contribuito alla formazione del Fondo di dotazione o contribuiranno economicamente una volta espletate le procedure istituzionali. Durante i lavori dell’Assemblea, a nome di Achille Variati, hanno portato il loro saluto e assicurato il sostegno all’iniziativa il presidente del Consiglio comunale di Vicenza, Federico Formisano e la vice presidente della Provincia, Maria Cristina Franco, sindaco di Costabissara. Il neo eletto CdA sarà affiancato dal Comitato scientifico di prossima nomina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, l'istituto di storia diventa fondazione

VicenzaToday è in caricamento