rotate-mobile
Cultura Valdagno

"Atto d'accusa": Giuliano Piccininno ci porta nella cruenta antica Roma con Cicerone

La Sergio Bonelli editore ha pubblicato, il 12 febbraio, l'ultimo volume della collana Le Storie, firmata da Giuseppe De Nardo e dal valdagnese di adozione Giuliano Piccininno

"Italia, 69 avanti Cristo. Il potente Verre soffoca la provincia romana di Sicilia in una stretta crudele, fatta di ladrocinio, iniquità, omicidio… Il solo che abbia il coraggio di sfidarlo apertamente – in un pubblico tribunale – è il senatore Marco Tullio Cicerone, ma per sconfiggerlo ha bisogno di un testimone-chiave che rischia di essere ucciso… Per l’avvocato più celebre della storia è un processo cruciale, una sfida all’ultima astuzia contro un avversario temibile e spietato!". 

Così la Sergio Bonelli editrice lancia l'ultimo volume della collana Le Storie, "Atto d'accusa", firmato da due big del fumetto italiano, lo sceneggiatore Giuseppe De Nardo, autore anche del soggetto, e il disegnatore Giuliano Piccininno, da oltre 20 anni trapiantato a Valdagno, entrambi salernitani. Cresciuti entrambi nel mitico incubatore di "Trumoon", hanno pubblicato decine di opere: Dylan Dog, Julia, Dampyr solo per citare quelle edite da Bonelli. 

cicerone-2Come mai questo lavoro "storico" dopo una esperienza trentennale in altri generi fumettistici? "Io e De Nardo abbiamo pensato bene di approfittare dell'opportunità di ambientare una vicenda in un periodo storico poco sfruttato nel nostro paese, quale l'antica Roma, che riscuote invece grande interesse all'estero - spiega il disegnatore - Confrontandoci con la figura storica di Cicerone (e facendolo diventare a tutti gli effetti un nostro personaggio) abbiamo provato a dare una lettura più umana e meno agiografica del soggetto, provando a tratteggiarne delle sfaccettature inedite e, speriamo, interessanti".


GIULIANO PICCININNO È un disegnatore di fumetti della Sergio Bonelli Editore per cui disegna il personaggio Dampyr ed è tra i fondatori del gruppo Caf da cui discende l'attuale Scuola Grafica Salernitana. Dopo aver conseguito il titolo di scenografo all'Accademia delle Belle Arti di Napoli, e diverse esperienze nel campo delle fanzine, passa al professionismo con Alan Ford (1984-1987) della Max Bunker. Come insegnante di disegno e storia dell'arte si trasferisce al liceo scientifico G.G. Trissino di Valdagno (Vi) nel 1986. Da qui in poi le collaborazioni con diverse case editrici si moltiplicano e disegna una notevole quantità di personaggi spaziando dallo stile realistico a quello supereroistico, dal comico ironico al grottesco, dal comico disneyano al personalissimo graffiante mix di linee, da Bravestar (Arnoldo Mondadori Editore) e Masters of Universe (Mattel) a Topolino (Arnoldo Mondadori Editore); dalle Tartarughe Ninja ai Looney Tunes per Rizzoli; dai Texas Strangers (ed.RC) a Tiramolla (Vallardi), al draghetto Prezzemolo di Gardaland; da Ozzy edito dalla Star Comics ai liberi per l'Intrepido, da Thrash a Rave (Tornado Press). Dal 2008 disegna i Bagigi per la rivista Rugby Club. Nel 2012 ha pubblicato in Francia un volume su Dracula per le edizioni Soleil.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Atto d'accusa": Giuliano Piccininno ci porta nella cruenta antica Roma con Cicerone

VicenzaToday è in caricamento