Conservatorio di Vicenza, concerto on line: Le Tombeau de Claude Debussy

  • Dove
    on line
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 08/04/2021 al 08/04/2021
    alle ore 17.00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
    Sito web
    facebook.com

Il Conservatorio di Musica di Vicenza “Arrigo Pedrollo” dà appuntamento on line al proprio pubblico con un nuovo contributo nell’ambito della rassegna “Il Senso della Musica”: giovedì 8 aprile alle ore 17.00 verrà diffusa l’esecuzione dell’opera “Le Tombeau de Claude Debussy, preceduta, come da consuetudine del cartellone, da una parte di approfondimento storico, artistico e musicologico della proposta musicale. In questo caso la parte di relazione vedrà un doppio intervento, uno dal titolo “Cantare il pianto. Note sul dolore della musica”, a cura del prof. Stefano Lorenzetti, e l’altro di spiegazione del pezzo “Homenaje pour Guitare” di Manuel de Falla, a cura del prof. Stefano Grondona, rispettivamente docenti di Storia della musica per didattica della musica e Chitarra presso il Conservatorio vicentino. 

Il concerto verrà trasmesso on line sulla pagina www.facebook.com/conservatorio.divicenza.9 - e disponibile a seguire nell’archivio permanente del canale YouTube “conservatoriovicenza”.

Il “tombeau” (termine francese traducibile con “sepolcro”) è una composizione strumentale, ma in alcuni casi anche vocale, diffusasi in Francia nel periodo barocco: era utilizzata dai musicisti per omaggiare i propri maestri o i poeti defunti. Il tombeau non risponde ad una forma musicale vera e propria, ma si riferisce, appunto, ad una funzione celebrativa, rappresentativa, di ricordo e di memoria, dove la musica diventa strumento per esprimere. Per la composizione e l’esecuzione di tali brani venivano impiegati strumenti come il clavicembalo (uno degli strumenti prediletti e quello sul quale Johann Jakob Froberger scrisse il primo lavoro di questa tipologia nel 1657), il liuto, la viola e la chitarra. È a questa tradizione che si richiama dunque “Le Tombeau de Claude Debussy, un’opera collettiva commissionata nel 1920 ai musicisti di primo piano dell’epoca da Henry Prunières, direttore della Revue Musicale (rassegna musicale), imperniata per lo più sul pianoforte e comprendente dieci pezzi: sei per pianoforte solo, di Paul Dukas, Albert Roussel, Gian Francesco Malipiero, Eugène Goossens, Béla Bartók e Florent Schmitt, un pezzo per chitarra, di Manuel de Falla (un omaggio alla musica spagnola di Debussy, un grande giro al di fuori della Spagna nel mondo dell’Impressionismo), un pezzo per violino e violoncello, di Maurice Ravel, uno per voce e pianoforte di Erik Satie e una riduzione per pianoforte dalle Sinfonie di strumenti a fiato di Igor Stravinsky. Prunières intende l’opera come «un omaggio internazionale alla memoria di Debussy che sarà un vero e proprio “monumento” come quelli che i poeti del Rinascimento hanno innalzato agli artisti che avevano amato». La parte musicale dell’appuntamento è affidata ai seguenti esecutori: Andrea Matticchio, pianoforte, Enzo Ligresti, violino, Giorgio Fiori, violoncello, Nicholas Rocca, chitarra, e Hanna Kim, soprano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Ogni giorno tutti i mercati in città e in provincia di Vicenza

    • Gratis
    • dal 20 settembre 2019 al 20 settembre 2021
    • piazze
  • Corso Yoga - Benessere Mente&Corpo

    • dal 17 dicembre 2020 al 20 maggio 2021
    • Centro "QUI e ORA"
  • Nuovi linguaggi dell'artigiano digitale: cinema e videogiochi ridisegnano il lavoro

    • Gratis
    • dal 8 al 22 aprile 2021
    • on line
  • Mercato del Caracol: solo prodotti etici

    • Gratis
    • 18 aprile 2021
    • Caracol
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento