Musica sufi e improvvisazione jazz:concerto al CSC

  • Dove
    CSC Centro Stabile di Cultura
    Indirizzo non disponibile
    San Vito di Leguzzano
  • Quando
    Dal 17/05/2019 al 24/05/2019
    dalle 21
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

I rituali trance Sufi del profondo sud Sahara Tunisino, antichi ritmi e canti suonati e cantati da 3 musicisti tradizionali provenienti dalla comunità del Banga, che incontrano i viaggi sonici dell’Occidente post-industriale del 21esimo secolo. 

E l'improvvisazione di Rob Mazurek tra gli artisti più originali e rappresentativi del jazz elettroacustico contemporaneo, leader di gruppi come Chicago Underground, Sao Paulo Underground, il cornettista e compositore di Chicago Mazurek è tra i talenti più visionari della musica contemporanea. 

Ifriqiyya Électrique

Yahia Chouchen  - voce, tabla, tchektchekas

Fatma Chebb - voce, tchektchekas

Tarek Sultan - voce, tabla, tchektchekas

Gianna Greco - basso, voce, computer

François R. Cambuzat - chitarre, voce, computer

Presentano il nuovo disco “Laylet el Booree" in uscita ad aprile 2019

Gabriele Mitelli & Rob Mazurek 

presentano STAR SPLITTER

Rob Mazurek - piccolo trumpet, electronics, voce

Gabriele Mitelli - cornet, sax, electronics, voce 

Programma:

Ore 21.30 Gabriele Mitelli & Rob Mazurek 

Ore 22.30 Ifriqiyya Électrique

A seguire DJ set by Al Tajara collective

Due concerti di livello assoluto, entrambi stabilmente invitati dai migliori festival internazionali: averli assieme al CSC rende l’evento unico. Sia Gabriele Mitelli & Rob Mazurek che Ifriqiyya Électrique affrontano le tradizioni musicali più nascoste, riportandole alla luce con strumenti e sonorità assolutamente contemporanei creando così una magia sonora che profuma di futuro brillante per la musica tutta. Un appuntamento con quanto di più eccitante possa offrire il panorama musicale internazionale contemporaneo!

- - - 

Ifriqiyya Électrique

Una musica di rara potenza, animata da un'oscura e misteriosa forza ancestrale, percussioni ipnotiche e cavernose impattano con le sonorità impetuose e travolgenti delle chitarre e dell'elettronica su un basso dal suono pieno.

E poi ci sono le voci, un canto che è figlio del deserto e di riti tribali, ma che è parente stretto delle voci che percorrono le strade del Mediterraneo, le voci che si levano in un mercato di Palermo, in un vicolo di Algeri, in un bazaar di Istanbul o nel porto di Napoli.

Non quindi un progetto di etnomusicologia che si 'limita' a registrare suoni e musiche provenienti da angoli periferici del mondo, ma un incontro fra dimensioni lontanissime: la tradizione di un piccolo gruppo etnico e le musiche radicali e tecnologiche di musicisti e agitatori contemporanei.

Gabriele Mitelli & Rob Mazurek 

Uno di fronte all’altro. Senza filtri, senza mediazioni. In un gioco di sdoppiamenti e di rimandi che corre sul filo del più spericolato azzardo. Rob Mazurek e Gabriele Mitelli. Trombettisti che trombettisti non sono, musicisti che dell’oltre e dell’altrove hanno fatto una ragione di vita. Venerato maestro il primo. Al centro della scena di Chicago da almeno vent’anni, catalizzatore di energie, infaticabile sperimentatore e maginifico punto d’incontro tra l’eredità danzante di Sun Ra e le intransigenti pulsioni del (post) rock meno allineato, tra la lezione di Bill Dixon e il gigantesco lascito della generazione AACM. Giovane e scapigliato il secondo. Istintivo e coraggioso nel gettarsi a capofitto nelle situazioni meno accomodanti e nei contesti più improbabili. Doveva succedere prima o poi che si incontrassero. Questione di affinità e di consonanza. Questione di vita. Questione di musica.

Biografie: 

Ifriqiyya Electrique non è il nome di una band quanto piuttosto una vera e propria cerimonia adorcista: che dunque mira a favorire l'interazione con entità positive e allontanare le entità malefiche attraverso musica, canto e danza.

Si incrociano chitarre e contaminazioni elettroniche con i riti di trance e possessione di Tarek Sultan, Yahia Chouchen e Youssef Ghazala, membri del Rituale Banga del deserto del Sahara in Tunisia.

Se pertanto lo scopo è di allontanare le entità malefiche attraverso musica, canto e danza, l'uso estremo e distorto di elettronica e chitarre elettriche, in armonia con la ripetitiva tribalità ritmica e lirica, non farà altro che dare maggior forza al tutto, con un crescendo d'intensità manifesto e incisivo.

Nella sua lunga fase di elaborazione, Ifriqiyya Electrique è stato anche di più: un'impresa multimediale registrata in zone come il deserto del Sahara, in cui la musica era solo uno dei protagonisti, tanto che le riprese di quanto ha ruotato attorno alla realizzazione, quindi anche processioni, rituali e cerimonie di trance, sono diventate un film che è parte costitutiva dello spettacolo.

Un'opera che non si limita alla sua essenza musicale, pur essendo di valore assoluto anche in tal senso, ma che acquista potenza nella sua totalità, nella visione delle immagini che la accompagnano, nella scoperta dei suoi momenti compositivi.

Un'opera che, non solo riesce a dare vigore a quel processo di sviluppo, trasmutazione e amplificazione dell'anima attraverso la purificazione, ma che unisce anche due mondi apparentemente lontani come la tradizione africana con la sua aura magica e la modernità fredda del Vecchio Continente, rilevando la vicinanza e favorendo una contaminazione non solo possibile ma anche produttiva.

Rob Mazurek

Attivo sulla scena del jazz e dell’improvvisazione dalla metà degli anni ‘90, Mazurek ha contribuito a rivitalizzare la scena di Chicago, gettando un ponte vitale tra la generazione dell’AACM (Association for the Advancement of Creative Musicians) e quella più giovane, vicina al rock e alla musica elettronica. Fondatore del collettivo Chicago Underground, con formazioni che vanno dal duo (esibitosi in un memorabile concerto nell’isola di San Servolo due anni fa) all’orchestra, Mazurek ha militato negli Isotope 217 e collaborato con Gastr del Sol, Tortoise, Stereolab, Calexico, guidando poi uno straordinario quintetto, il trio Starlicker e la travolgente Exploding Star Orchestra, nonché São Paulo Underground e Black Cube SP.

Gabriele Mitelli nasce a Brescia nel 1988. Studia con il maestro Beppe Rusconi a Brescia e a seguire con il maestro Markus Stockhausen a Colonia con il quale nel 2012 ha suonato, partecipando al suo progetto di improvvisazione radicale, al festival “La Fabbrica del Jazz” di Schio. Nel 2014 esce il suo primo disco, “Hymnus Ad Nocturnum”, per l’ etichetta del Parco Della Musica di Roma. Nel 2016 pubblica il suo secondo disco con il duo Groove&Move insieme al vibrafonista Pasquale Mirra, tra i migliori dischi della classifica di European Jazz Chart, entra nel nuovo progetto di Cristina Donà e suona in alcuni dei festival più importanti in Italia. Nel 2017 è miglior nuovo talento italiano per i critici della rivista di settore “Musica Jazz”, vince il Bando AIR per le residenze artistiche all’estero e pubblica il suo secondo disco per l’Auditorium Parco della Musica di Roma con O.N.G. “Crash”. In pochi anni suona con alcuni dei più importanti musicisti della musica jazz e di confine tra cui Ralph Alessi, Jeff Parker, Rob Mazurek, Markus Stockhausen, Chris Speed, Gianluca Petrella, Simone Graziano, Alexander Hawkins, Giovanni Guidi, Cristiano Calcagnile, Beppe Scardino, Tino Tracanna. Nel 2017 è ideatore e direttore artistico del neonato GroundMusic Festival.

- - - 

Ifriqiyya Électrique // Rob Mazurek & Gabriele Mitelli

dalle ore 21:00 alle 02:00
Centro Stabile Di Cultura
via leogra 4, 36030 San Vito di Leguzzano

INGRESSO RISERVATO AI SOCI tessera al momento

• Apertura ore 20:30

• Inizio spettacolo ore 21:30

• Contributo responsabile: 12€ intero - 6€ per studenti  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Suoni tra le Malghe 2020: tutti i concerti in programma

    • Gratis
    • dal 12 July al 18 October 2020
    • Malghe dell'Altopiano di Asiago
  • Asiago Live: Gabbani, Nomadi, lirica

    • dal 10 al 13 August 2020
    • Piazza Carli
  • Festival Postounico: sei serate di grande musica

    • Gratis
    • dal 21 July al 18 August 2020
    • Arzignano, Lonigo, Alonte, Sarego

I più visti

  • Ogni giorno tutti i mercati in città e in provincia di Vicenza

    • Gratis
    • dal 20 September 2019 al 20 September 2020
    • piazze
  • Marostica… di fiaba in fiaba

    • dal 9 July al 25 August 2020
    • Centro Storico
  • Film all'aperto: la programmazione del "Cinema Sotto le Stelle" ai Chiostri di Santa Corona

    • dal 1 July al 31 August 2020
    • Chiostri di Santa Corona
  • Un tetto di ombrelli tricolore in corso Fogazzaro e tanti eventi ogni fine settimana in Centro a Vicenza

    • Gratis
    • dal 12 July al 24 December 2020
    • Centro storico
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    VicenzaToday è in caricamento