Evan Parker il mito del free jazz al CSC

  • Dove
    CSC Centro Stabile di Cultura
    Indirizzo non disponibile
    San Vito di Leguzzano
  • Quando
    Dal 17/11/2019 al 17/11/2019
    ore 18
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Al CSC domenica alle 18 grande concerto del sassofonista Evan Parker, pioniere del free jazz, e del compositore elettronico Walter Prati.
L’imprevedibile ed ispirata musica del sassofonista americano si unisce alla sperimentazione elettronica del compositore italiano per una data al Centro Stabile di Cultura a San Vito di Leguzzano, appuntamento da non perdere per gli amanti del jazz.


«Non so esattamente ciò che sto cercando, qualcosa che non è stato ancora suonato. Non so che cosa è. So che lo sentirò nel momento in cui me ne impossesserò, ma anche allora continuerò a cercare»: non ci sono parole migliori di quelle di John Coltrane per definire l’essenza del free jazz, grande protagonista di questo appuntamento musicale.


Evan Parker è una figura fondamentale del panorama musicale contemporaneo: un monumento indiscusso, un pioniere, “tra i migliori
improvvisatori di tutto il mondo” (Chicago Reader) ed “uno dei più grandi strumentisti viventi della musica” (The Times). Ogni sua
esibizione è unica, spontanea e senza fine perché infiniti sono i suoni della musica che possiamo immaginare e le suggestioni da cui possiamo venire toccati.
Forse per questo l’attività di Parker è sconfinata e passa attraverso miriadi di dischi, progetti e concerti disseminati in giro per l’Europa
ed il mondo. Parker ha suonato con grandi nomi della musica come Robert Wyatt e gli Spiritualized, con Peter Brötzmann nello storico album Machine Gun, in trio con Alex von Schlippenbach e sullo stesso palco di Michael Nyman, senza contare la sua attività da curatore.

A partire dagli anni Ottanta inizia la collaborazione con Walter Prati, compositore votato alla ricerca musicale ed all’interazione tra
strumenti tradizionali e musica elettronica.


Evan Parker
Nato a Bristol nel 1944 ha iniziato a suonare il sassofono all’età di 14. Nel 1962 era uno studente di botanica alla Birmingham University, ma un viaggio a New York, dove vide Cecil Taylor nel trio con Jimmy Lyons e Sunny Murray, sconvolse la sua vita: “Ascoltai una musica di una forza e intensità tale da segnare il resto della mia vita. Tornai con le mie ambizioni accademiche a brandelli e il sogno disperato di una vita suonando quel tipo di musica – ‘free jazz’ lo chiamavano allora.”

Nel 1966 si trasferì a Londra, diventando assiduo frequentatore della Little Theatre Club, centro della emergente scena free jazz della città, e fu presto invitato dal batterista John Stevens ad aderire alla Spontaneous Music Ensemble, che stava sperimentando nuovi modalità di improvvisazione di gruppo. Il primo album inciso con la Spontaneous Music Ensemble fu Karyobin, del 1968, che vedeva, oltre a Parker e Stevens, altre future figure di rilievo: Derek Bailey, Dave Holland e Kenny Wheeler. Iniziò una collaborazione di lunga data con il chitarrista Bailey, con il quale creò la Music Improvvisation Company e, nel 1970, co-fondò con Tony Oxley l’etichetta Incus Records. Nello stesso periodo conobbe il bassista Peter Kowald, che lo introdusse nella scena del free jazz tedesco. Fu così che venne coinvolto da Peter Brötzmann nel suo ottetto, con cui incise un album rimasto nella storia: Machine Gun.

Nel 1970 si unì al pianista Alex von Schlippenbach e al percussionista Paul Lovens, un altro trio al limite della mitologia, di
cui è ancora membro. Gli anni ’80 e anni ’90 hanno portato Parker a suonare con alcuni dei suoi primi eroi: ha lavorato con Cecil Taylor in
piccoli e grandi formazioni, suonato con Rashied Ali, Ornette Coleman, registrato con Paul Bley.

Famose le sue collaborazioni con Anthony Braxton, Steve Lacy, George Lewis, Roscoe Mitchell, George Lewis e Wadada Leo Smith. Ha avuto anche contatti con la musica pop, in particolare con Robert Wyatt, Annette Peacock e David Sylvian.

La forza dirompente del (free) jazz arriva domenica 17 novembre alle 18 al Centro Stabile di Cultura con l’imprevedibile ed ispirata musica del sassofonista Evan Parker e la sperimentazione elettronica del compositore Walter Prati
per una serata oltre gli schemi.

I biglietti (12 euro) sono acquistabili al Centro Stabile di Cultura la sera del concerto a
partire dalle 17, l’entrata è gratuita per gli studenti con la tessera del CSC.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Ogni giorno tutti i mercati in città e in provincia di Vicenza

    • Gratis
    • dal 20 settembre 2019 al 20 settembre 2020
    • piazze
  • Tour guidato del centro storico di Vicenza

    • dal 19 ottobre 2019 al 6 giugno 2020
    • Piazza Matteotti
  • Corso scherma vichinga

    • Gratis
    • dal 4 settembre 2019 al 25 giugno 2020
    • Scuole Elementari "G. Giardino"
  • Corso intensivo medicina tradizionale tibetana

    • Gratis
    • dal 29 febbraio al 13 settembre 2020
    • https://www.associazioneangelidiluce.it
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento