Economia Montecchio Maggiore / Via Serenissima

Alte: i lavoratori della Veneta Tecnologie in strada per gli stipendi

Secondo i sindacati, i lavoratori hanno un arretrato di 650 mila euro di stipendi non pagati, cui vanno aggiunti contributi e tfr non versati "per un totale che supera il milione di euro"

Presidio permanente da parte di lavoratori della Veneta tecnologie per gli stipendi non pagati. La strada è la stessa dei colleghi della Ceccato, che presto saranno in mobilità: via Serenissima ad Alte di Montecchio Maggiore.

Secondo quanto riferito al Corriere del Veneto dal sindacalista della Uilm Alfio Zaurito,  i 41 operai "lamentano almeno 650 mila euro di stipendi non pagati, in qualche caso anche da nove mesi, a cui si aggiungono fondi pensione e Tfr, per un’ammontare che supera abbondantemente 1 milione di euro".

La protesta dei lavoratori della Veneta Tecnologie è solo l'ultima di una lunga serie di azioni eclatanti che gli operai di un numero di  imprese crescente sono costretti a fare per veder onorato il loro contratto di lavoro. Oltre al già citato presidio alla Ceccato Lavaggi, recentemente un uomo ha minacciato di gettarsi da un building nel cantiere Dal Molin, e i sindacati del Gruppo Bayer hanno proclamato lo stato di agitazione per i licenziamenti a Montebello.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alte: i lavoratori della Veneta Tecnologie in strada per gli stipendi
VicenzaToday è in caricamento