Martedì, 16 Luglio 2024
Economia

Vendemmia 2024, inizio subito dopo Ferragosto

Le previsioni del raccolto in Veneto e lo stato di salute dei vitigni

Germogliamento anticipato, fioritura e allegagione per lo più modeste con lievi differenze tra varietà e areali produttivi, fertilità potenziale della vite inferiore al 2023. Danni da gelo e grandine inferiori alla soglia limite del 5%, pressione delle malattie fungine sotto controllo, con qualche maggiore difficoltà per i vigneti biologici; meno problemi di Flavescenza dorata. Sono questi i principali aspetti che stanno caratterizzando l'annata vitivinicola 2024 in Veneto.

Il punto sul panorama vegetativo del vigneto veneto alla vigilia dell’estate è stato argomento centrale del primo incontro del Trittico Vitivinicolo 2024, organizzato nei giorni scorsi da Veneto Agricoltura, con Regione del Veneto, Crea, Arpav e Uvive.

Per quanto il territorio Vicentino, i colli Berici e la provincia di Vicenza hanno registrato un aumento significativo sia della frequenza che dell'intensità delle precipitazioni, ma non sono stati segnalati danni significativi a causa delle gelate primaverili o della grandinata del 16 giugno. Come in altre zone del Veneto, è stato osservato un germogliamento precoce per le varietà Chardonnay, Garganega e Pinot grigio, dovuto alle temperature anomale di febbraio. La fertilità potenziale di questi vitigni è risultata più elevata rispetto al 2023: i grappoli sono puliti dai residui floreali ma presentano un'allegagione inferiore. Le malattie non rappresentano una grande preoccupazione per la lotta integrata, mentre la gestione biologica richiede un attento monitoraggio. Per quanto riguarda la Flavescenza dorata, non si osservano differenze significative rispetto all'anno precedente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendemmia 2024, inizio subito dopo Ferragosto
VicenzaToday è in caricamento