Treni, sciopero il 26 e il 27 novembre contro la privatizzazione

Il sindacato di base USB ha proclamato 20 ore di sciopero, dalle 21 di giovedì alle 18 di sabato sul progetto di governo di cedere il 40% del gruppo FS

Il 26 e 27 novembre sarà sciopero nazionale del personale Trenitalia indetto dall’USB contro la privatizzazione, contro i turni di lavoro eccessivi e per la sicurezza di lavoratori e passeggeri. Lo sciopero partirà alle ore 21.00 del 26 e si concluderà alle 18.00 del 27 novembre. Saranno garantiti i servizi minimi.

Il comunicato: "Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla svendita del 40% del gruppo FS. Non convincono le rassicurazioni elargite dal Ministro Delrio sul fatto che la maggioranza rimarrà nelle salde mani di questo governo: forte il rischio dell'ennesimo affare speculativo su un impianto strategico del nostro Paese, regalato a imprenditori nostrani o stranieri. La privatizzazione è l'ulteriore passo verso la definitiva liberalizzazione del settore, dove su rotaie pubbliche e mantenute dallo Stato potranno circolare treni di qualsiasi colore e nazione senza particolari obblighi né verso l'occupazione né verso i diritti dei lavoratori, a partire dal salario e dalla sicurezza; né verso i cittadini che usufruiscono dei servizi meno redditizi.

L’USB rammenta quanto già accaduto nel trasporto aereo, antesignano di privatizzazioni e liberalizzazioni che hanno portato alla perdita di 1 posto di lavoro ogni 5 occupati, nessun obbligo sociale di riassunzioni per le nuove società, ammortizzatori a carico della collettività e precarizzazione selvaggia. Sono state inoltre regalate fette del nostro mercato ad aziende senza scrupoli, che per anni non hanno pagato nemmeno i contributi ai propri lavoratori impiegati in Italia. Infine, la breve e penosa stagione dei cavalieri della Cai si è conclusa con un debito maggiore di quanto fatto da Alitalia pubblica in 60 anni di storia. L’USB invita pertanto tutti i lavoratori di Trenitalia a dare il primo segnale di forte contrasto a queste politiche aderendo allo sciopero del 26 e 27 novembre e lancia a tutti i lavoratori delle società del Gruppo l’appello a dare un altrettanto forte segnale di cambiamento, votando per le liste USB nel rinnovo di tutte le RSU e RLS in corso in questi giorni per i circa 70.000 dipendenti FS".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Vicenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il virus cinese

  • Perde il controllo dell'auto e finisce contro un camion in sosta: 18enne muore sul colpo

  • San Valentino: i luoghi più romantici del Vicentino

  • Stop alle corse sulla strada del Costo: arrivano autovelox e targa system

  • Bollo auto, le novità del 2020: a chi spettano gli sconti

  • Operaio 34enne trovato morto in fabbrica

Torna su
VicenzaToday è in caricamento